Non paghi la multa? Ti pignoro l’auto

30/11/-0001 -
Dopo la legge finanziaria del 2003 i Comuni possono agire contro i trasgressori del codice stradale anche pignorandogli l’auto.

di Claudia Costantini
claudia@viveresenigallia.it


La finanziaria del 2003 consente ai Comuni di recuperare, grazie anche all’aiuto di agenzie concessionarie, le multe non pagate, arrivando, se è il caso, a rimedi estremi come il pignoramento dell’auto.
Stando ai dati forniti dalla polizia municipale sono già 200 i cittadini a rischio “pignoramento” per il mancato pagamento della multa, e la cifra da recuperare è di tutto rispetto e riguarda circa 6000 trasgressioni del codice della strada.
Il meccanismo è lineare: all’arrivo della sanzione circa la metà dei contravventori paga entro i 60 giorni previsti dalla legge per far fronte a tale incombenza. Passato questo periodo senza che nessuno abbia onorato il suo debito con il Codice stradale, la pratica passa nelle mani di Ancona Tributi che manda nuovamente l’avviso all’inadempiente, correlandolo con la tassa per il ritardo.
In questo modo avviene l’iscrizione al “ruolo coattivo” ossia alla lista di chi non ha pagato. Da questo momento in poi ( vale a dire dall’iscrizione alla lista) il cittadino ha tempo ancora 60 giorni per pagare la multa. Trascorso questo lasso di tempo senza che la multa sia stata pagata l’agenzia può procedere al fermo del libretto, impedendo la circolazione del mezzo. Dunque il tempo per pagare le multe non manca anche se c’è chi insorge contro questo provvedimento giudicando sproporzionato il rapporto tra la multa, che spesso ammonta a pochi euro, e il blocco dell’auto o addirittura al pignoramento dell’abitazione.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 marzo 2004 - 2223 letture

In questo articolo si parla di





logoEV
logoEV