il resto del carlino: Riaperta la casa per anziani

Senigallia 30/11/-0001 -
Ostra Vetere. Riaper­ti l'altro ieri i locali che ospi­tavano la Residenza sanita­ria assistila. Una venticinqui­na i posti letto destinali agli anziani non autosuftìcienti, in grado di dare risposte non solo ai residenti nel comune ma anche ai degenti di Corinaldo.


«L'inaugurazione della Rsa è motivo di grande soddisfa­zione ed ottimismo» - ha sot­tolineato l'assessore regiona­le alla sanità Augusto Melappioni - proprio perché ci con­sente di avviare un processo di trasformazione delle strut­ture sanitarie periferiche. Puntare sulla residenzialità significa poter mantenere gli anziani nelle loro realtà garantendo loro un rapporto diretto con il territorio dove sono sempre vissuti. Le comunità locali sostengano gli operatori sanitari nel loro quotidiano sforzo accanto a chi soffre».
Tanta la gente che ha preso parte alla cerimonia inaugu­rale. «Segno che la riapertu­ra della Rsa era mollo sentita dai cittadini» ha precisato il sindaco, Nicola Brunetti.
In ogni occasione ci è stata esposta l’esigenza di poter usufruire della struttura.
Un impegno che ci siamo assunti già dal 1986, quando il progetto della Rsa iniziò a muovere i primi passi, in col­laborazione con i responsabi­li dell'azienda sanitaria senigallicse. Nel corso degli an­ni tante sono state le persone che hanno reso possibile arri­vare a questo importante ri­sultato
».
«La ristrutturazione e la riapertura della Residenza sani­taria - ha rimarcalo il diretto­re generale della Zona 4, Ma­rio Moli nari - confermano che il mio compito, quando ho ricevuto l'incarico dalla Regione Marche, non era quello di un semplice liqui­datore. Non sono stato man­dato a Senigallia per chiude­re.,bensì per portare avanti e potenziare la sanita sul terri­torio. Mi sono dato da lare ed ho trovato grande collabo­razione e disponibilità da parte dei dirigenti dell'Azienda sanitaria, dei sindaci delle valli Misa e Nevola, delle forze sindacali e dei cittadini».
di Sandro galli




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 marzo 2004 - 1953 letture

In questo articolo si parla di