...

Ancora una volta le Marche si distinguono per una nemmeno più latente ostilità verso il plein air e verso il turismo dei campeggiatori, colpevolmente dimenticati (abbandonati) dai vertici regionali. Nell’ultimo decreto del presidente Ceriscioli (il 99 del 16 aprile), sempre più inadeguato nel suo ruolo, e con un cronoprogramma di ripartenze che rischia di diventare un cronoprogramma per l’affossamento economico (si pensi ai ristoranti tenuti incoscientemente al palo anche per i pasti d’asporto), vi è la grande e clamorosa assenza dei camping.