Ostra: prosegue la mostra di Andrea Crostelli

2' di lettura 25/10/2020 - La mostra a Ostra di Andrea Crostelli, "Nel dualismo del desiderio - dentro ogni cosa", continua a suscitare interesse sia nell'ambito prettamente artistico-pittorico che in quello poetico-religioso, ambito dal quale l'autore ha attinto chiamando in causa, a mo di presentazione, la penna e i versi di Lorenzo Lucentini.

Altra nota caratterizzante del quadro crostelliano è il suo aspetto profetico, cifra con chiavi di lettura criptata per chi non deve intendere. L'idea complessiva si materializza dopo aver sfogliato un catalogo di Braque. Gli appunti presi hanno dato seguito a evoluzioni sul percorso cubista e post-cubista maturato dal pittore francese o semplicemente fungendone da strumento, spostano il mirino su un Crostelli in divenire.

La tematica dell'umanità come unico corpo rigenerato dal sacrificio di Cristo la si assapora costantemente. La moltitudine di soggetti all'interno del soggetto che li racchiude ne è già da se stessa una conferma. Se vogliamo fare il punto tra i due artisti, diremmo che mentre Braque scompone, seziona, divide, Crostelli è atto a recuperare, ricostruire, ricomporre. È incanalato su questo percorso. Il disegno di Crostelli nei dettagli risulta semplice; nel suo insieme complesso. Quel che è generato viene dalla Parola, né più né meno i suoi quadri. Chiaro, il tutto condito, mescolato alle imperfezioni, alle cadute e ai controsensi che nella vita ci si trova ad affrontare. Come San Paolo a volte facciamo il male che non vorremmo e non facciamo il bene che vorremmo (a cui però di base tendiamo). Eccoci approdare nel teatro del bene e del male. Nel più acerrimo dei combattimenti.

Tra i tanti lavori che colpiscono, ci fermiamo sull’ultima delle reposizioni. In una scala di grigi infinita emergono gli occhi socchiusi della Madonna grondanti lacrime rosso sangue. L’occhio di Cristo invece è solitario, quasi centrale sotto la fronte. È sbarrato, inchiodato come tutte le sue membra; ed è così che focalizza l’inequivocabile scelta del farsi dono… La mostra è aperta fino al 15 novembre. Orari: tutti i giorni dalle 16.30 alle 19.30. Sabato e domenica aperta anche il mattino dalle 9.30 alle 12.30.






Questo è un articolo pubblicato il 25-10-2020 alle 17:36 sul giornale del 26 ottobre 2020 - 512 letture

In questo articolo si parla di ostra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzGo





logoEV
logoEV