Tornano le richieste per l'Hotel Covid: struttura ed esperienza ci sono, per partire servono risorse

2' di lettura Senigallia 14/10/2020 - L'Hotel Covid di Senigallia torna a disposizione della comunità marchigiana per affrontare una nuova emergenza (e le richieste purtroppo stanno già arrivando) ma per partire servono finanziamenti.

Il progetto messo in campo nei mesi di aprile e maggio è stato un aiuto prezioso per liberare posti letto di pazienti Covid non gravi negli ospedali ed ora la struttura è tecnicamente pronta per un nuovo utilizzo. Il progetto era stato realizzato nella prima fase della pandemia dalla Caritas di Senigallia con il contributo del comitato “Un aiuto per l’ospedale di Senigallia” e con il supporto medico dell’ambulatorio solidale Paolo Simone Maundodé. Un hotel della città era stato messo a disposizione dalla proprietà per ospitare pazienti Covid non gravi che non avevano la possibilità di trascorrere la quarantena in completo isolamento nel proprio domicilio. Un progetto che ha alleggerito notevolmente la pressione negli ospedali (gli ospiti provenivano da tutta la regione) e soprattutto ha evitato che chi non poteva garantire una quarantena assolutamente protetta, potesse infettare i propri convinventi.

Ora purtroppo i contagi sono ripresi e sono in continua crescita e già stanno arrivando le chiamate alla Caritas per avere informazioni sull'Hotel Covid che però al momento è chiuso perchè per farlo ripartire servono fondi. “Tecnicamente saremmo pronti anche nel giro di pochi giorni a far ripartire l'esperienza dell'Hotel Covid, che è stato una sorta di progetto pilota per tutta la Regione -spiega il direttore della Caritas Giovanni Bomprezzi- la proprietà dell'hotel ha dato la disponibilità all'utilizzo della struttura e noi mettiamo volentieri al servizio della comunità il nostro background e le nostre competenze ma ovviamente servono delle risorse finanziarie che non sono alla nostra portata”.

Risorse che il pubblico potrebbe facilmente stanziare, ma la decisione di finanziare il progetto e dunque far ripartire l'Hotel Covid passa agli enti istitizionali preposti. Regione Marche in primis. Tanto più che in questo momento in cui aumentano i positivi non gravi l'esigenza principale è proprio quella di garantire una quarantena in completo isolamento. “Ci dicono che la maggior parte dei contagi avviene proprio in ambito domestico perchè spesso non c'è la possibilità per il positivo di avere uno spazio completamente isolato -aggiunge Bomprezzi- in questo senso pensare ad una riapertura dell'Hotel Covid sarebbe sicuramente lungimirante. Per quanto ci riguarda, la struttura e l'esperienza ci sono”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-10-2020 alle 23:59 sul giornale del 15 ottobre 2020 - 2826 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/byCL





logoEV
logoEV