Tornano le Giornate del Fai d'Autunno, a Senigallia quattro i luoghi da riscoprire

6' di lettura Senigallia 12/10/2020 - Due weekend, oltre 1000 mille beni in 400 città d'Italia, 35 nelle Marche, 4 a Senigallia. Questi i numeri delle Giornate del Fai d'Autunno che si svolgeranno sabato 17, domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre 2020.

L’edizione 2020 è dedicata a Giulia Maria Crespi, fondatrice del Fondo Ambiente Italiano, e a un tema a lei particolarmente caro, quello della salute. L’obiettivo, come sempre, è quello di promuovere conoscenza e consapevolezza del patrimonio di storia, arte e natura italiano, accompagnando il pubblico a visitare, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, luoghi normalmente non accessibili, poco noti o poco valorizzati in tutte le regioni.

A Senigallia le visite riguarderanno la Chiesa di San Martino, descritta nel 1700 come “reggia di San Martino”; Palazzo Augusti Arsilli, edificio del primo Novecento che conserva al suo interno le magnifiche porte del Settecento, alcuni affreschi e una piccola cappella utilizzata da Pio IX durante le visite alla famiglia; lo stabilimento Opera Pia Mastai Ferretti, con la pregevole cantina di botti di legno storiche e l’archivio che testimonia la storia della mezzadria del territorio; e infine un percorso alla scoperta dei luoghi della campagna senigalliese amati e fotografati da Giacomelli. Da segnalare che i visitatori di Palazzo Augusti Arsilli saranno accolti in costume d’epoca dai fratelli Marconi.

Per partecipare alle visite è richiesta un’iscrizione on line e una donazione libera al Fai, con un contributo minimo di 3 euro che servirà a sostenere le iniziative dell’associazione volte alla salvaguardia e alla tutela del patrimonio storico, artistico e ambientale. Per rispettare le norme anti Covid-19 i posti saranno contingentati.

Protagonisti di questo doppio weekend saranno ancora una volta i giovani apprendisti Ciceroni delle scuole del territorio: gli studenti del liceo scientifico “Medi”, del liceo classico “Perticari” e della scuola media “Fagnani”. Per loro sarà un’esperienza molto formativa di cittadinanza partecipata, nella quale vedranno prendere vita e colloquiare tra loro le materie scolastiche che in classe studiano separatamente.

“Nella nostra società sempre più spezzettata e liquefatta - afferma la capogruppo del gruppo del Fai di Senigallia Maria Rosa Castelli - abbiamo smarrito il senso del contesto e quindi del tutto, composto sia dalle scienze della natura che da quelle della storia: due culture oggi ancora così divise che trattano ambiente e cultura come universi estranei. In realtà la parte naturale della cultura, ovvero l’ambiente e la salute, sono congiunti con la parte storica, materialmente composta dal paesaggio e dal patrimonio di storia e di arte. È questa la fratellanza di tutto con tutto, in un rispetto della storia per la natura, da decenni clamorosamente mancato, che sta la sostenibilità giusta della nostra vita. Così il Fai, dopo la crisi del Covid-19 e dopo la morte della sua fondatrice, ritrova la propria missione proprio in una cultura più interamente intensa, con la convinzione che non può esservi salute pubblica e individuale senza il sussidio dei cittadini a integrazione, non a sostituzione, dei servizi fondamentali forniti da Stato, Regioni e Comuni, come sancito dall’articolo 118 della Costituzione”.

“Per me è un grande piacere – sottolinea il sindaco Massimo Olivetti – iniziare il nuovo mandato con le Giornate Fai d’Autunno, che ho scoperto anni fa grazie a Lola Sabatini. Credo che questa manifestazione rappresenti un bella opportunità per la città, perché ci permette di mostrare e riscoprire le bellezze culturali, naturali e storiche del nostro territorio, e trasmettere questa conoscenza alle generazioni future. Insieme a Maria Rosa Castelli, alla delegazione Fai di Senigallia, alle scuole e a tutti quelli che hanno collaborato all’organizzazione, voglio ringraziare in particolare i giovani e i giovanissimi che saranno impegnati come apprendisti Ciceroni, i quali, con il loro impegno, daranno modo a tanti cittadini di conoscere, comprendere e apprezzare la bellezza di questi luoghi, rendendoci tutti più consapevoli e innamorati del nostro territorio”.

“I giovani e i volontari che animeranno questi due weekend – aggiunge l’assessore alla Cultura Riccardo Pizzi – raccolgono idealmente il testimone del fondamentale percorso iniziato dal Fai nel 1975. Nelle vostre mani c’è la tutela del patrimonio culturale e paesaggistico previsto dall’articolo 9 della Costituzione”.

“Ringrazio i presidi Daniele Sordoni, Fulvia Principi e Patrizia Leoni – conclude poi la Castelli - che hanno collaborato con noi rendendo possibile questa iniziativa, il nostro responsabile scuola, architetto Marcello Mengucci, e i volontari del gruppo Fai di Senigallia. Ringrazio inoltre coloro che hanno messo a disposizione i beni: il presidente dell’opera Pia Mario Vichi, il responsabile di Assicurazioni Generali Senigallia Massimo Pedullà, padre Giuliano, a cui la nostra città deve moltissimo, e Luciano Montesi, presidente di Confluenze, che ci ha consentito di proporre un’esperienza completamente a contatto con la natura. Infine grazie alla Protezione civile, da tredici anni vicina al Fai con i suoi volontari, e alla Croce Rossa, che per la prima volta ci affiancherà garantendo il suo prezioso supporto in questo particolare periodo di emergenza sanitaria”.

Questi gli orari delle visite:

CHIESA DI SAN MARTINO Senigallia
sabato 17 ottobre pomeriggio 3 turni 15,30/16,00/16,30
domenica 18 ottobre
pomeriggio 3 turni 15,30/16,00/16,30
Sabato 24 ottobre
pomeriggio 3 turni 15,30/16,00/16,30
Domenica 25 ottobre
pomeriggio 3 turni 15,30/16,00/16,30

PALAZZO AUGUSTI ARSILLI
sabato 17 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
domenica 18 ottobre mattino 6 turni ogni 30 minuti dalle 9.30 alle 12
domenica 18 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
sabato 24 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
domenica 25 ottobre mattino 6 turni ogni 30 minuti dalle 9.30 alle 12
domenica 25 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30

STABILIMENTO OPERA PIA MASTAI FERRETTI
sabato 17 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
domenica 18 ottobre mattino 6 turni ogni 30 minuti dalle 9.30 alle 12
domenica 18 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
sabato 24 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30
domenica 25 ottobre mattino 6 turni ogni 30 minuti dalle 9.30 alle 12
domenica 25 ottobre pomeriggio 6 turni ogni 30 minuti dalle 15 alle 17.30

MARIO GIACOMELLI TERRA E LUCE UN PERCORSO TRA ARTE, CULTURA E PAESAGGIO (località Sant’Angelo)
domenica 18 ottobre mattino 3 turni 9/9.15/9.30 pomeriggio 2 turni 15/15.15
sabato 24 ottobre mattino 3 turni 9/9.15/9.30 pomeriggio 2 turni 15/15.15
Complessivamente il percorso è lungo 10,4 km, con un dislivello complessivo di 276 m.








Questo è un articolo pubblicato il 12-10-2020 alle 18:08 sul giornale del 13 ottobre 2020 - 2036 letture

In questo articolo si parla di cultura, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/byoc