Fano: Si siede sui binari in attesa del treno: suicidio sventato dalla dottoressa Capalbo di Marche Nord

2' di lettura Senigallia 07/08/2020 - Ha gettato lo zaino a terra e si è diretto sul binario 3. Poi si è seduto proprio dove - di lì a pochissimo - sarebbe passato il treno. Aveva deciso di farla finita, in preda a tutti i problemi di un periodo pieno di negatività. Ma – per fortuna – le cose non sono andate come aveva preventivato.

Protagonista della vicenda un 30enne di Fano che si era messo in testa di porre fine alla sua giovane vita. Erano da poco trascorse le 7 30 di venerdì mattina, quando alla stazione di Fano i presenti hanno assistito alla scena. Un ragazzo che lascia a terra lo zainetto e che va a sedersi proprio sui binari, dando le spalle al treno in arrivo: ecco cos’hanno visto gli occhi di chi era lì. Compresi quelli della dottoressa Maria Capalbo. È proprio lei l’’eroina per caso’ che ha evitato il peggio, insieme a un’avvocatessa che si trovava in stazione.

La Capalbo è nientemeno che la direttrice generale dell’azienda ospedaliera Marche Nord. Era in attesa del treno per Ancona, diretta a un incontro di lavoro con il governatore delle Marche Luca Ceriscioli. All’improvviso lo scenario che non si sarebbe mai aspettata. Alla vista di quel ragazzo che aveva ormai raggiunto il binario, la Capalbo ha cominciato a urlargli esortandolo a venire via di lì. Frastornato per la reazione, il 30enne si è poi convinto a tornare sulla banchina, mentre l’avvocatessa stava già chiamando la polizia. Il ragazzo è stato infine affidato al 118.

Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 07-08-2020 alle 18:06 sul giornale del 08 agosto 2020 - 620 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, tentato suicidio, maria capalbo, articolo, Simone Celli





logoEV
logoEV