Corinaldo: il sindaco sull'avviso di garanzia per la strage della Lanterna, "Vogliamo tutti la verità"

1' di lettura 01/08/2020 - Il sindaco Matteo Principi commenta la chiusura delle indagini per la strage della Lanterna Azzurra di Corinaldo, che lo vede indagato in qualità di Presidente della Commissione di Vigilanza, insieme ad altre 18 persone.

"Venerdì sono stati notificati gli atti di chiusura delle indagini preliminari che mi vedono coinvolto relativamente agli avvenimenti della Lanterna Azzurra. Ho sempre ritenuto doveroso, per il ruolo che ricopro, informare la comunità puntualmente sull'evolversi della vicenda giudiziaria. Come spesso fatto in Consiglio Comunale e come sento di dover fare oggi in questo spazio. Ho risposto ad alcune domande di una giornalista ed una di queste mi chiedeva se avessi paura di finire sotto processo in qualità di presidente della commissione di vigilanza sui locali -afferma il sindaco Principi- Ho risposto, come sempre: in qualità di sindaco ho il dovere di contribuire al raggiungimento della verità su quanto accaduto quella maledetta notte, costi quel che costi. Senza timore. La trasparenza è una condizione fondamentale per fare chiarezza e trovare la verità. È un impegno che mi sono preso verso tutte le persone coinvolte in questa triste vicenda. E che voglio condividere con la mia Comunità, invitando chi può a comprendere questo atteggiamento e a condividerlo nella propria quotidianità. C'è qualcosa che avrei potuto fare? No, altrimenti lo avrei fatto".






Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2020 alle 17:08 sul giornale del 03 agosto 2020 - 2233 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsg5