Ultimo appuntamento con “I giovedì dell’Associazione”

2' di lettura Senigallia 08/07/2020 - C’è una donna che, insieme alle sue due figlie, si batte da più di mezzo secolo per conoscere i motivi per cui suo marito è stato assassinato. Questa donna e la sua vicenda sono divenuti il simbolo dei nodi irrisolti, dei misteri creati e dei problemi strutturali dell’Italia contemporanea.

Si chiama Licia Rognini, è nata a Senigallia nel 1928 e da 90 anni risiede a Milano dove suo padre, falegname anarchico che non trovava più lavoro sotto il regime liberticida, si trasferì dopo aver trovato lavoro, grazie a un noto esponente socialista nazionale (Ugo Guido Mondolfo, anch’esso senigalliese) alla Pirelli. Ma per i più è la vedova di Giuseppe Pinelli, il militante anarchico defenestrato dal Palazzo della Questura di Milano nella notte tra il 15 e il 16 novembre 1969, tre giorni dopo lo scoppio della bomba di Piazza Fontana.

I processi sono stati archiviati; i tentativi dei familiari di ottenere giustizia, pure; lo Stato e le istituzioni hanno lasciate sole Licia e le sue figlie Silvia e Claudia benché, alle ricorrenze “di peso” (come quella dello scorso anno quando cadevano i 50 anni dalla morte di “Pino”, l’uomo che era affascinato dalla nonviolenza, che aiutava chiunque e credeva nei valori del dialogo e del confronto) i rappresentanti dello Stato abbiano pronunciato parole foriere di qualche anelito di speranza. Aneliti, appunto, niente di più, poiché alle parole non sono seguiti i fatti. “Licia” è l’ultimo libro scritto da Marco Severini (Ed. Marsilio, 2020, pp. 132) e sarà oggetto dell’ultimo appuntamento, giovedì pomeriggio alle 18.30, della rassegna “I giovedì dell’Associazione” che, in quest’anno infausto, ha sostituito la Rassegna di Storia Contemporanea.

“Licia” è nato da un’intervista esclusiva rilasciata dalla signora Pinelli al prof. Severini lo scorso 31 ottobre a Milano; l’intervista è stata inizialmente pubblicata in un’edizione esclusiva per gli iscritti dell’Associazione; poi essa ha dato luogo a un lungo lavoro di contestualizzazione e rielaborazione che oggi viene presentato ai lettori. Questo libro racconta la vicenda di una donna coraggiosa, colpita negli affetti più cari, lasciata sola a 41 anni, ma anche di una testimone del Novecento. Ed è insieme un reportage su come il nostro Paese abbia smarrito i valori e i principi in cui credevano la generazione di Licia e di Pino. Sono previsti gli interventi di studiosi e studiose (Silvia Boero, Rita Forlini, Lidia Pupilli, Francesco Fanesi) e di Silvia Pinelli.

L’iniziativa si svolge ovviamente da remoto: basterà digitare il codice annesso a questo comunicato per partecipare da cellulare o computer


da Associazione di Storia Contemporanea
Senigallia







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-07-2020 alle 10:06 sul giornale del 09 luglio 2020 - 244 letture

In questo articolo si parla di cultura, storia, senigallia, storia contemporanea, associazione di storia contemporanea, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bp5i





logoEV
logoEV