Paradisi (Unione Civica) denuncia: "Di nuovo sospeso il servizio di medicina dello sport"

roberto paradisi 1' di lettura Senigallia 04/06/2020 - Ci risiamo. Ancora una volta la Asur Marche interrompe il servizio di medicina dello sport. Nel momento in cui, dopo quasi tre mesi di "reclusione" forzata, un'intera generazione di giovani prova a ripartire (con fatica) con le attività sportive, puntuale arriva il disservizio (anzi: il non servizio) della Asur.

Impossibile prenotare. Il servizio di visite per la idoneità agonistica è inattivo. Rischia così di essere vanificato lo sforzo di tante società sportive che, con sacrifici enormi, hanno scelto di di garantire ai ragazzi il diritto allo sport pur con tante difficoltà legate ai protocolli governativi e federali. Un atteggiamento a dir poco incomprensibile della sanità pubblica che non ha nessuna ragione di essere e anzi si pone in contrasto con le normative nazionali e regionali sulla ripresa dell'attività sportiva agonistica.

Si tratta di una vera e propria interruzione di un pubblico servizio. Interruzione che, ancora una volta, causerà poi una autentica baraonda tra agosto ed ottobre quando si concentreranno le prenotazioni per la ripresa dei corsi sportivi e dei campionati (salvo qualche dirigente Asur che farà la morale ai giovani accusandoli di non aver prenotato la visita a giugno). E' semplicemente scandaloso dover, ogni stormir di fronda, denunciare il solito, abituale e ormai decennale disservizio. E' un atto di ostilità verso i nostri giovani.


da Roberto Paradisi
Consigliere Comunale Unione Civica





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-06-2020 alle 19:52 sul giornale del 05 giugno 2020 - 441 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, attualità, Unione Civica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bnbu





logoEV
logoEV