Cosa fare e cosa visitare a Pesaro

8' di lettura Senigallia 31/05/2020 - Pesaro è una città di mare, con la sua storia tutta da raccontare e da ascoltare. Ti rapisce con la sua magia, i suoi personaggi storici che hanno conquistato il mondo e che hanno fatto conoscere al mondo una città romantica che non stanca mai.

Possiamo trovare Gioacchino Rossini con le sue opere, la scultura di Arnaldo Pomodoro artista di fama mondiale.

I luoghi da vedere a Pesaro sono tanti, dipende dal soggiorno turistico, se il turista è di passaggio e ci resta un solo giorno oppure se dedica una settimana intera per scoprire una nuova meta.

In fondo potrai scaricare una guida completamente gratuita pensata sia per chi vuole visitare Pesaro in un giorno sia per chi resta qualche giorno in più e vuole vistare Pesaro in una settimana. Pesaro ha intorno a se altre città e paesi incantevoli che devono essere visitati perchè unici e caratetteristici di una storicità importante, per esempio Gradara che ancora oggi riesce a raccontare la storia di Paolo e Francesca, MonteCopiolo citata da Dante per le sue colline ripide, Urbino la città di Raffaello e tanti altri luoghi che potrai trovare in questo portale dove per ogni luogo dedichiamo video foto e guide approfondite.

Cosa visitare a Pesaro

Se siete in macchina non preoccupatevi per il parcheggio, che vogliate visitare il centro storico o il lungo mare, si può parcheggiare la macchina in qualsiasi via (pochi ormai sono i parcheggi non a pagamento) oppure in strutture realizzate appositamente come il Curvone in Viale della Vittoria, 224. Nella stessa struttura potete di decidere una volta parcheggiata l’auto di noleggiare la bicicletta e girare così per le vie del centro di Pesaro. Comunque non ci sono difficoltà a visitare a piedi i luoghi descritti.

I luoghi da visitare a Pesaro sono davvero tanti, sono tante le cose da fare, qui descriviamo le mete migliori, consigliare un posto rispetto ad un altro non è facile, sicuramente visitare Pesaro in un giorno non basta, perchè ogni luogo merita particolare attenzione, ci proviamo lo stesso a descrivere tutti i luoghi che possiamo visitare a piedi, le mete proposte sono in fila una dopo l’altra così per far risparmiare tempo prezioso.

Cosa vedere a Pesaro

1) Come prima tappa per chi non sa cosa fare a Pesaro consigliamo una passeggiata lungo Viale Trieste dove ammirare il mare e sentire il suo sapore, una passeggiata che ci porta fino al porto di Pesaro, dove verso le 19? si può ammmirare il tramonto che si tuffa nel mare, un tramonto che il lirico Luciano Pavarotti ha definito il più bello del mondo, non a caso Pavarotti ha comprato e abitato una villa sopra la collina di Baia Flaminia.

2) A metà di Viale Trieste in Piazzale della Libertà troviamo la scultura di Arnaldo Pomodoro la “Sfera Grande” chiamata comunemente “Palla di Pomodoro” dai Pesaresi. La scultura realizzata in bronzo si trova davanti al mare sopra una fontana. Nel piazzale dove una volta c’era lo stabilimento balneare Kursaal costruito negli anni 20 e demolito negli anni 1954, possiamo ammirare il paesaggio seduti comodi nelle caratteristiche e storiche panchine con i leoni. Nello stesso piazzale si può ammiare il Villino Ruggeri in stile liberty fatto costruire nel 1907 dall’imprenditore farmaceutico Oreste Ruggeri, uno stile unico in tutta la riviera adriatica. A due passi da Piazzale della Libertà in Viale Zara troviamo il moletto, con a terra una caratteristica rosa dei venti realizzata in marmo.

3) Finita la passeggiata in Viale Trieste possiamo addentrarci nel Centro Storico, troviamo subito in Via Rossini il Duomo di Pesaro, ricostruito nell’ottocento porta ancora la stessa facciata romanica. All’interno nel periodo i ricostruzione sono stati trovati circa 900mq di pavimento in mosaico che riporta geometrie bizzantine e e disegni medievali.

4) Davanti al Duomo si trova il Museo Diocesano, all’interno del settecentesco Palazzo Lazzarini dove si possono ammirare collezioni composte di reperti archeologici, sculture, dipinti, argenti e tessuti che fanno parte del prezioso patrimonio artistico e liturgico della Cattedrale e del territorio diocesano. Più avanti ecco Palazzo Gradari dove sono ubicate le sedi comunali, spazi per eventi espositivie al piano terra il palazzo ospita anche la berlina di gala dei marchesi Mosca, visitabile durante l’orario di apertura degli uffici.

5) Sempre in Via Rossini al civico 34 ecco la famosissima casa di Gioacchino Rossini, dichiarato monumento nazionale nel 1904, all’interno sono conservati cimeli dell’artista e uan raccolta di stampe. A qualche metro di distanza sempre nella stessa via si trova il Teatro Sperimentale.

6) Ad 1 minuto di strada da Casa Rossini si possono visitare a Palazzo Mosca i Musei Civici in Piazza Toschi Mosca n. 29, dove all’interno troviamo la Pala dellIncoronazione della Vergine uno dei capolavori del Rinascimento italiano realizzato da Giovanni Bellini, nel cortile d’ingresso la Medusa di Ferruccio Mengaroni, inoltre possiamo ammirare all’interno del museo anche la ceramica, le arti decorative insieme agli arredi e e le sculture.

7) Sempre ad 1 minuto di strada a piedi in via Mazzolari 22, troviamo all’interno di un edificio storico Casetta Vaccai, luogo storico della città di Pesaro, ospita mostre temporanee nei cunicoli sotteranei. Più avanti in Via delle Scuole la Sinagoga, edificio situato nell’antico ghetto della città.

8) Ora è la volta di entrare nel centro della città di Pesaro, nella bellissima Piazza del Popolo, con la sua fontana ottagonale costruita nel 1593, distrutta nel 1944 durante la guerra, ricostruita nel 1960 ornata di cavalli marini e di tritoni. La Piazza del Popolo è circondata da 4 palazzi storici: dalla sede delle Poste e dai palazzi Ducale, Baviera e Comunale.

9) Ci sono due vie che meritano di essere percorse che incrociano la Piazza, via San Francesco dove ammirare la Chiesa Santa Maria delle Grazie e corso XI Settembre, passeggiando lungo questa via troviamo negozi e una struttura nata nel 1821 come Pescheria, trasformata oggi,mantenendo la stessa struttura originaria, un Centro di Arti Visive che ospita eventi di arte contemporanea e design.

10) Dopo avere visitato Via Rossini, via San Francesco, corso XI Settembre e la Piazza del Popolo è la volta di entrare in Via Branca, dove troviamo subito il mercato delle Erbe nell’ex Convento di San Domenico, dove tutte le mattine c’è il mercato dove trovare frutta e verdura freschissima e fiori profumati.

11) Proseguendo Via Branca, ci si può dedicare allo shopping nei tanti negozi di abbigliamento, in fondo eccoci in Piazzale Lazzarini dove anche qui c’è una delle quattro antiche fontane, e il prestigioso Teatro Rossini costruito nel 1637 con il nome di teatro del Sole e intitolato al celebre compositore nel 1855.

12) Da Piazzale Lazzarini entrare in Via Passeri è doveroso, lungo la via ci sono la Chiesa di Santa Lucia, la Chiesa di San Giovanni Battista e la Biblioteca San Giovanni, una delle Biblioteche più prestigiose d’Europa, il Palazzo Montanti Antaldi al civico 72 dove all’interno si trova la Biblioteca della Fondazione Rossini.

13) A 4 minuti di strada da Via Passeri è la volta di inoltrarci verso Piazza Olivieri 5 dove è situata nel Palazzo Olivieri la sede del famosissimo Conservatorio G. Rossini, Istituto musicale di grande prestigio, dove si vengono a formare talenti di tutto il mondo, all’interno si trovano i dipinti dell’artista Gian Andrea Lazzarini. A soli 2 minuti a piedi è possibile arrivare in Via Mazza 97 e visitare all’intero di Palazzo Almerici la Biblioteca Oliveriana, proseguendo a 5 minuti di passeggiata verso via Cattaneo 34 troviamo Palazzo Ciacchi oggi sede di Confindustria Pesaro Urbino che ospita un Museo realizzato con dipinti e ceramiche provenienti dai depositi museali di Palazzo Mosca.

14) Appena fuori dal Centro Storico, in Piazzale Matteotti sorge Rocca Costanza, costruita tra il 1474 e il 1483, utilizzata come carcere nel 1864 fino al 1989. Ora in estate ospita eventi culturali.

15) Piazza Doria è uno degli angoli più suggestivi di Pesaro, si trova la fontana antica la “la Fonte del Porto”, l’Obelisco e la Chiesa del Porto che ha origini molto antiche, risale intorno al XVI secolo.

16) Da Piazza Doria percorendo via Cecchi arriviamo ad un’altra fontana antica chiamata “Foglietta” disegnata nel 1750 dall’architetto Gianfranco Bonamici. Da qui è possibile fare una suggestiva passeggiata lungo la Calata Caio Duilio, dove si possono incontrare pescatori che ritornano dalla pesca, che ripuliscono le reti e vendono il pesce. Anche da qui è possibile raggiungere il Porto di Pesaro e fermarsi finalmente a contemplare il tramonto.

Il nostro giro in centro è “quasi” finito, abbiamo visto musei, piazze, teatri e fontane, ma una visita particolare deve essere dedicata alle Chiese storiche e piene di un passato che non sarà mai dimenticato, consigliamo quindi di andare nella pagina: “Chiese di Pesaro” per scoprire tutti i luoghi sacri da visitare e alla pagina: “Vie Curiose di Pesaro” che raccontano un pò della storia di questa città.

Per chi vuole vedere altri luoghi affascinanti a Pesaro ma leggermente fuori dal centro storico, scomodi da raggiungere a piedi, invitiamo a visitare i seguenti:

Orti Giuli – Villa Imperiale – Villa Caprile – Villa Molaroni – Parco Miralfiore






Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2020 alle 13:51 sul giornale del 01 giugno 2020 - 240 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmRI





logoEV
logoEV