"Aiuto non significa richiedere indietro i soldi", la lettera di Confartigianato Food&Drink Senigallia a Conte

Soldi 4' di lettura Senigallia 08/04/2020 - Questa di seguito è la lettera di una azienda di "Confartigianato FOOD&DRINK Senigallia" che è stata presa dalla categoria come Manifesto in quanto racchiude il sentimento di tutte le attività.

"Vorrei che questa lettera arrivi al Presidente"...

Caro Presidente
Le scrivo a nome di tutti noi inprenditori che ci siamo ritrovati dalla sera alla mattina a chiudere le nostre attività senza che nessuno ci facesse capire bene il perché. Abbiamo fatto sacrifici per far sì che le nostre attività crescessero e stessero in piedi...
C'è chi ha guadagnato" tanto" ed è riuscito a mettersi qualcosa da parte e chi invece (come penso la maggior parte) riusciva solamente con il guadango a pagare e a poter riuscire ad arrivare a fine mese. Ci siamo indebitati per poter aprire le nostre attività, abbiamo già fatto finanziamenti e li stiamo pagando... Alcuni, data la situazione, sono riusciti a bloccarli, altri invece li stanno pagando (pur non incassando nulla) per non essere protestati.

Ci avete detto di stare a casa e lo abbiamo fatto... . Ci avete promesso i famosi 600 euro... ma dove sono? Soldi che poi non spettano a tutti... . Ci sono Imprenditori che non hanno più nulla... che non gli spetta né il bonus né la cassa integrazione né la disoccupazione... . Ora come fa a dare da mangiare alla sua famiglia dovendo continuare a pagare affitti, bollette sia dell'attività che di casa? Senza nessuna entrata come può farcela? Ci avete detto che arriveranno soldi per farci ripartire così potremmo vedere una "nuova primavera"... . Ora secondo voi Io che ho chiuso NON per colpa mia ma per colpa della "pandemia"... sono costretta a prendere questo "aiuto"... dove chi ci guadagna sono solo le BANCHE..., dite che garantite voi... ok... io non posso pagare le rate perché non ho i soldi, chi paga? Voi? Ma chi viene SEGNALATO NEL SISTEMA BANCARIO??? IO!!!... ovviamente non voi Stato!

Chi prima lavorava e incassava bene si potrà permettere forse di pagare tutto senza accedere al credito bancario. Per tutte le altre che non hanno questa possibilita come si fa? chi ci ripaga degli incassi mancati??? AIUTO per me significa dare dei soldi e NON richiederli un giorno indietro perché è questo che voi state facendo... Ce li date oggi così noi respiriamo un po' ma poi li rivolete tutti... E se tra due anni l' economia non è ripartita e i nostri incassi non sono più quelli di prima perché ci saranno restrizioni??? Provi a pensare ai ristoranti, pizzerie, bar, gelaterie nei centri commerciali dove l'affollamento sarà un problema o quelli nei centri storici che hanno pochi spazi per la clientela perché il locale è piccolo... . Come faremo noi a far entrare la gente di prima se ci deve essere la distanza di sicurezza? La gente si dimezza gli incassi si dimezzano ma le tasse, gli affitti, il suolo pubblico le bollette restano sempre le stesse!

Caro Presidente amare la propria Nazione significa aiutare il popolo, significa mettersi nei nostri panni e capire le difficoltà che ognuno di noi sta incontrando. Indebitare ancora di più le aziende non è la soluzione! Potevate darne almeno una parte a fondo perduto... . Se non riesco a rialzarmi e a vedere una "nuova primavera" sarò costretta a non pagare il suo "aiuto" sarò costretta a chiudere la mia p.iva quindi non pagherò più tasse più contributi, più niente! Le vostre pensioni d'oro dove le prenderete? Se tutti noi partite Iva chiudessimo e ribadisco NON per colpa nostra voi forse capirete come si vive con uno stipendio da fame! Noi partite Iva mandiamo avanti l'economia e se noi crolliamo crolla tutto il sistema italiano e il made in Italy!

Non ho niente di personale con Lei perché comunque ci sta mettendo la faccia e capisco che avere la responsabilità di una nazione intera è impegnativo e stressante ma sono arrabbiata con il sistema che è sbagliato il modo in cui state agendo perché ci state distruggendo anziché darci una mano!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2020 alle 17:55 sul giornale del 09 aprile 2020 - 968 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, soldi, I promotori, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjhm