Girolametti: "Finita l'emergenza nessun posto letto dovrà essere sottratto all'ospedale di Senigallia"

2' di lettura Senigallia 27/03/2020 - Gratidudine e ringraziamento immensi a tutto il personale dell’ospedale, in prima linea nella lotta a questo virus potente e subdolo.

In questo mese è stato evidente a tutti quanto sia importante la nostra struttura ospedaliera, fin dall’inizio centro di raccolta e di assistenza alle persone colpite da Covid-19 del pesarese.

E’ altrettanto chiaro a tutti che terminata l’emergenza, perché è solo questione di tempo ma terminerà, non un solo posto letto o un servizio nè tanto meno una unità operativa dovrà essere sottratta alla struttura ospedaliera di Senigallia.

Ma l’ospedale deve essere supportato dalla attività sanitaria territoriale con l’integrazione funzionale ospedale/territorio e più in generale con l’integrazione socio/sanitaria.

E’ con questo obiettivo che in queste ore il Distretto Sanitario, diretto dal dott. Marini, sta organizzando un servizio speciale di Guardia Medica, denominato USCA, a supporto dei medici di famiglia che, adeguatamente formati da Medici Senza Frontiere con esperienza della epidemia di Ebola, andranno a domicilio di pazienti per assistenza ed esecuzione di tamponi mirati. Questa attività potrà avvalersi di un collegamento telefonico con i medici specialisti del Distretto Sanitario per consulenze in tempo reale. Sempre in queste ore il Distretto Sanitario insieme ai Servizi Sociali del Comune di Senigallia, diretti dal dott. Mandolini, stanno organizzando un servizio di Diagnostica Drive Through per cui persone esclusivamente individuate dal Dipartimento di Prevenzione saranno invitate a sottoporsi a tampone in un luogo aperto e controllato dalle forze dell’ordine dove personale infermieristico adeguatamente formato, eseguirà il tampone senza che il paziente scenda dalla propria auto. Tali iniziative saranno utili per una diagnosi più precoce ed una assistenza più tempestiva e a filtrare l’accesso in ospedale .

Per quanto riguarda specificatamente l’attività del Sociale, il GORES ha individuato gli Ambiti Territoriali come responsabili della distribuzione dei dispotivi di protezione (DPI) per le strutture residenziali del nostro territorio (Case di Riposo e Residenze Protette) da Arcevia a Senigallia. Ieri sono state ritirate ad Ancona e oggi sono già in distribuzione ad ogni singola struttura. Complessivamente sono state consegnati 5.765 mascherine e 958 paia di guanti.

I Servizi Sociali dell’Unione dei Comuni della Marca Senone hanno predisposto per ciascun servizio domiciliare Adulti/Disabili/Anziani :

- contatto telefonico ogni 2/3 giorni per tutti i soggetti in carico

- stretta relazione con le assistenti sociali referenti per i singoli casi e indicazioni di eventuali problematiche emerse durante i contatti telefonici

- sostegno emotivo e psicologico

- report settimanale delle chiamate e relazione sulle problematiche emerse

- attivazione di servizi di emergenza ove richiesti nel rispetto delle direttive del DPCM 9/3/2020 con attivazione di unità operativa di pronto intervento.

In questa riorganizzazione emergenziale, un grande ringraziamento va alle nostre cooperative sociali del territorio, senza le loro conoscenze e disponibiltà tutto ciò non sarebbe possibile.


da Carlo Girolametti
assessore welfare e sanità Comune di Senigallia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2020 alle 19:03 sul giornale del 28 marzo 2020 - 4496 letture

In questo articolo si parla di attualità, Carlo Girolametti, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biyV