"Alice e il Sindaco": il film d'autore di giovedì

3' di lettura Senigallia 03/03/2020 - Giovedì 5 marzo, sarà recuperata al cinema Gabbiano la proiezione del film d’autore in programma una settimana fa e poi rinviata per la nota sospensione di tutti gli spettacoli pubblici anche nella nostra Regione.

Se la rassegna di quest’anno è normalmente articolata su spettacoli a sorpresa, in questa occasione – dopo lo slittamento di data – il titolo è stato svelato: si tratterà di Alice e il sindaco, film diretto dal francese Nicolas Pariser, che ha come protagonisti Fabrice Luchini e Anaïs Demoustier, quest’ultima vincitrice del prestigioso premio César 2020 come miglior attrice francese dell’anno.

Richiamando un celebre titolo rohmeriano - L'albero, il sindaco e la mediateca, dove sempre Luchini interpretava un giovane insegnante socialista nella Francia rurale – anche qui si parla di sentimento e passione politica. Paul è sindaco di Lione, ma a qualche mese dalle elezioni municipali si sente come svuotato, non ha più idee. Un prezioso stimolo nel ricucire il rapporto con la società civile gli arriverà dalla giovane e brillante Alice, filosofa trentenne abbastanza disincantata, brava a tal punto da diventare indispensabile per il sindaco e al contempo invisa al suo staff del politico. Le loro due personalità, diametralmente opposte, dovranno mettere in discussione sé stessi e le loro vite, giungendo a capovolgere le rispettive certezze.

Alice e il sindaco ha indubbiamente il suo punto di forza nei dialoghi tra i due protagonisti, ricchi di citazioni filosofiche e letterarie, necessarie per descrivere e illuminare l’incontro tra due generazioni lontane ma ispirate ad analoghi valori. Le tematiche affrontate sono peraltro di estrema attualità: un progresso che risulti eticamente limitato alle risorse disponibili; il conflitto rinnovato, diverso ma pur sempre uguale, tra destra e sinistra; il decadere dei partiti politici tradizionali; la funzione degli intellettuali e il rapporto tra politica e cultura.

Con ottime caratterizzazioni dei personaggi, contrassegnati dalla tradizionale finezza transalpina, Pariser induce una profonda riflessione: critica duramente ma senza banalità o sarcasmo antipolitico la società odierna, suggerendo che la crisi democratica in cui versiamo sia dovuta proprio alla mancanza di un pensiero. E in questo senso è certo rinfrescante riuscire ad affrontare il tema con la sensibilità espressa da questo film.
Per usare le parole del regista: “C’è indignazione fra i giovani, che siano di destra come di sinistra, nei confronti degli uomini politici, che è in parte giustificata, ma che non porta a niente. Ho preferito raccontare la situazione con onestà e misura, vedendo cosa restava, una volta tolta l’indignazione. La risposta è: la malinconia e i dubbi su come fare per uscire da questa crisi.”

E ancora Pariser: “In politica non mi interessa avere dei convincimenti rigidi e cercare di difenderli, non sono un guerriero di idee politiche. Per me è il terreno della discussione, del compromesso. Mi interessa la questione del potere, della sua pratica, e al tempo stesso il lavoro sulle idee, che devono essere articolate e messe in discussione, senza difenderle con l’idea unilaterale di essere dalla parte del bene contro il male. La politica è pensiero in movimento. Al cinema spesso troviamo l’intellettuale idealista con buone proposte che si contrappone al politico cinico che le boccia, qui volevo mostrare come le cose non sono così facili, ma ben più complicate.”

Alice e il sindaco sarà proiettato al Gabbiano solamente giovedì sera, con inizio alle ore 21:15.
Come sempre ricordiamo a chi voglia evitare file che il biglietto è acquistabile in qualsiasi momento anche online attraverso il sito www.cinemagabbiano.it








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2020 alle 09:31 sul giornale del 04 marzo 2020 - 302 letture

In questo articolo si parla di cinema, cinema gabbiano, senigallia, spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bg2K





logoEV
logoEV