Può il live streaming salvare l'industria del poker?

8' di lettura Senigallia 27/02/2020 - Nel 2003, un contabile inesperto di poker di nome Chris Moneymaker ha vinto l'evento principale delle World Series of Poker a Las Vegas, portando a casa 2,5 milioni di dollari in premi. La sua striscia vincente è stata trasmessa su ESPN, un canale americano, che aveva riorganizzato la copertura del concorso quell'anno per creare un pacchetto elegante e accessibile che assomigliava alle classiche trasmissioni sportive.

Orde di giocatori amatoriali hanno visto uno di loro vincere su un campo dove erano presenti molti professionisti di alto livello, e quando è stata giocata l'ultima mano, molti si sono improvvisamente chiesti se, con un po' di fortuna, avrebbero potuto fare lo stesso.
Il boom del poker che ha seguito la vittoria di Moneymaker si è svolto nelle sale da gioco di tutto il paese, ma soprattutto online. Attratti da semplici meccanismi di trasferimento di denaro e da un comodo accesso ai giochi, milioni di giocatori hanno affollato siti come PartyPoker, Full Tilt Poker e UltimateBet. Secondo le stime compilate sul sito web del Times, il numero di conti di poker su Internet è raddoppiato ogni anno tra il 2003 e il 2006, trasformando molti siti in attività multimiliardarie e gonfiando le vincite. Ma poi, il 15 aprile 2011, il Dipartimento di Giustizia ha sbloccato un atto d'accusa che accusa le tre maggiori società di poker su Internet che servono i clienti statunitensi di aver violato l'Unlawful Internet Gambling Enforcement Act (Legge sull'applicazione del gioco d'azzardo su Internet illegale). Il governo ha sostenuto che PokerStars, Full Tilt Poker e Absolute Poker, tutti con sede al di fuori degli Stati Uniti, hanno cospirato per commettere frodi bancarie e via cavo al fine di eludere le restrizioni sul trattamento dei depositi esteri. L'accusa ha portato le tre società ad abbandonare il mercato statunitense, ponendo così fine alla capacità degli americani di giocare a poker online in modo semplice e relativamente sicuro.
Quasi da un giorno all'altro, l'economia del poker ha cominciato a crollare. Altri siti popolari, diffidando delle cause legali, hanno smesso di offrire giochi con soldi veri ai giocatori americani (ne rimangono alcuni, ma con una base di giocatori molto più piccola e un controllo normativo insufficiente). Le reti hanno ridotto le competizioni di poker in televisione, che si sono affidate in larga misura alle società di poker su Internet per la pubblicità. I pool di giocatori e i profitti sono diminuiti. Secondo i dati compilati da PokerScout, che traccia il traffico del poker online, il mercato globale è calato di oltre la metà dal giorno dell'atto d'accusa, che la comunità di gioco ha soprannominato "Venerdì Nero". L'industria è stata lasciata in un limbo, alla ricerca di modi per riaccendere l'interesse per un gioco che oggi esiste ai margini della cultura e della legge della società.
Recentemente, però, il poker ha trovato un improbabile barlume di speranza: il servizio di video streaming live Twitch. Quando Amazon ha acquistato l'azienda l'anno scorso per quasi un miliardo di dollari, il sito è stato visto come una piattaforma utilizzata quasi esclusivamente per guardare altre persone che giocano ai videogiochi. Ma negli ultimi mesi, una parte dell'enorme pubblico di Twitch - circa 100 milioni di utenti visitano il sito ogni mese - si è rapidamente rivolto agli spettacoli di poker online. Questi fan giocano sempre più spesso nei casinò online che offrono giochi di poker, e le offerte sono fiorenti su internet come l'offerta da Starcasino presentata su miglioricasinoonline .
Il catalizzatore di questo movimento è Jason Somerville, un giocatore d'azzardo professionista di 28 anni di Long Island. Nell'ottobre 2015, sotto il nome di jcarverpoker, ha iniziato a trasmettere le sue sessioni di poker online con soldi veri su Twitch, girandole per evitare restrizioni legali. Ad oggi, il suo canale ha attirato quasi nove milioni di spettatori e quasi 240.000 seguaci. Il 7 settembre, quasi 40.000 utenti simultanei lo hanno visto competere per un montepremi di 1,2 milioni di dollari durante il World Online Poker Championship, facendo di lui, per un certo periodo, lo streamer più visto dell'intera piattaforma.
Come molti dei professionisti del poker di oggi, Somerville si è seriamente interessato al gioco durante il boom post-Moneymaker quando si è imbattuto in un torneo televisivo. "Sono stato immediatamente affascinato dall'opportunità di giocare a un gioco per soldi", ha detto. "Non avevo mai preso in considerazione la possibilità di superare le decisioni della gente per denaro". Si è immerso rapidamente nella strategia e nel gioco d'azzardo online, decidendo infine di lasciare la scuola e di perseguire la sua passione a tempo pieno. Attualmente partecipa a molti importanti tornei ed eventi di gioco d'azzardo in tutto il mondo, sia dal vivo che online. Nel 2011 si è piazzato al primo posto in un torneo di buy-in da 1.000 dollari alle World Series of Poker, vincendo quasi mezzo milione di dollari. Ad oggi, ha accumulato più di 6 milioni di dollari in vincite di tornei.
Somerville ha iniziato realizzando video di poker come servizio ai suoi coetanei, pubblicando le clip su un forum online per un piccolo pubblico di fan. Nel 2013, ha lanciato "Run It UP!", una serie su YouTube che mostra i suoi tentativi di scommettere cinquanta dollari su diecimila. Divertenti e informativi, i video hanno rapidamente catturato l'interesse di molti fan. L'anno successivo - forse nell'ambito di uno sforzo di diversificazione dei contenuti in previsione dell'ingresso di YouTube e di altri giganti della tecnologia nel mercato dello streaming dei videogiochi - Switch gli chiede di diventare il suo portabandiera per i giochi di poker in streaming.
Il valore di sedersi davanti a un computer per guardare qualcun altro che si siede e gioca a carte non è immediatamente evidente. Lo stesso Somerville descrive la maggior parte dei video di poker come "alternative sedative". Nel suo flusso, una parte dello schermo mostra ciò che vede sul suo computer, mentre un'altra parte, più piccola, lo mostra mentre guarda il suo monitor e fa commenti. Le reti televisive di solito creano dei resoconti drammatici dei giochi di poker in post-produzione, principalmente eliminando tutte le azioni, tranne quelle più eccitanti. Con i feed live, il peso grava quasi interamente sulle capacità e sulla personalità del giocatore.
"Come qualcuno che ha guardato una tonnellata di video di poker, soprattutto video di allenamento di poker, sono sempre stato scioccato da quanto fossero pessimi dal punto di vista delle prestazioni", ha detto Somerville. Su Twitch, gioca il ruolo di giocatore e guida: inclusivo, competente e instancabilmente divertente. L'elemento chiave dei suoi spettacoli, che durano regolarmente più di sette ore, sono i suoi monologhi inesauribili, in cui spiega allegramente tutto, dalla strategia di base del poker alla sua vita sociale all'opaco mondo del gioco d'azzardo professionale. Risponde anche alle domande che gli spettatori gli sottopongono tramite la chatbox di Twitch in modo franco. Questa interattività, dice Somerville, "ti permette di entrare di più nella mia testa". Sia dal punto di vista dell'apprendimento che dell'intrattenimento, è molto meglio.
Se il mercato deve tornare a una certa parvenza dei livelli precedenti al 2011, il cambiamento dovrebbe essere lento. Più della metà del pubblico di Somerville è negli Stati Uniti, ma rappresenta ancora solo una piccola parte del traffico di Twitch. Tuttavia, alcuni dei principali operatori del settore sono incuriositi. Fin dalla sua nascita, Somerville ha firmato accordi di partnership con PokerStars, la più grande sala da gioco online del mondo, e DraftKings, il popolare (e controverso) sito di sport fantasy quotidiano. Contemporaneamente, Poker Central, un nuovo servizio di streaming dedicato esclusivamente alla copertura del poker, che ha in cantiere anche una rete televisiva via cavo, ha iniziato ad ospitare contenuti originali su Twitch. Alcuni vedono un futuro in cui la piattaforma replicherà, anche se in misura minore, quello che i media tradizionali hanno fatto per il poker una decina di anni fa. "Il primo boom del poker è venuto, in parte, dall'insegnamento del gioco in televisione", ha detto Eric Hollreiser, responsabile della comunicazione aziendale di PokerStars. "Twitch rappresenta un'opportunità per la prossima generazione di avere questo canale di comunicazione con i consumatori.
Molto dipenderà anche dal corso tortuoso della legislazione sul gioco d'azzardo online. La legislazione in Europa è sempre più rilassata.
E se questo dovesse accadere negli Stati Uniti, Twitch potrebbe aiutare Somerville a svolgere lo stesso ruolo di sensibilizzazione di Moneymaker, ma con l'ulteriore grado di affidabilità che la piattaforma promuove. Come mi ha detto l'analista dell'industria dei giochi Chris Grove, gli streamer su Twitch "occupano uno strano spazio tra amico e celebrità". Quando Somerville trasmette i suoi trionfi al tavolo da poker, è, per molti, sia un pari che un'icona. "La gente che guarda questo vuole andare là fuori e cercare di fare anche questo", ha detto Grove. "E il fatto che possano essere così vicini alla persona che stanno emulando non fa che aumentare la loro voglia di farlo".
Naturalmente, non possono avvicinarsi di più. "La maggior parte delle persone non saprà cosa significa perdere centomila dollari in un giorno", mi ha detto Somerville. "Ci sono stato, l'ho fatto un sacco di volte».





Questo è un articolo pubblicato il 27-02-2020 alle 16:17 sul giornale del 27 febbraio 2020 - 157 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgQp





logoEV
logoEV