Fermo: Montegiorgio: 50 gli anni di carcere per l’omicidio di Maria Biancucci l’anziana signora di Alteta

1' di lettura Senigallia 23/01/2020 - Tre le condanne espresse dal giudice del tribunale di Fermo dott. Marziali per l’omicidio che quasi due anni fa sconvolse per la sua brutalità Alteta, la piccola frazione di Montegiorgio

Maria Biancucci, nel marzo del 2018, aveva 79 anni quando venne trovata morta dal figlio che abitava con lei; giaceva inanimata sul letto con mani e piedi legati.
Gli inquirenti, al loro arrivo, trovarono la casa in disordine ed una finestra con evidenti forzature che sarebbero servite a deviare le indagini la cui accuratezza, però, portò a scoprire che gli esecutori materiali del colpo entrarono dalla porta d’ingresso dopo essersi procurati le chiavi con un espediente.
Le prime indagini condotte dai carabinieri della stazione di Montegiorgio fecero pensare ad un furto finito male. Il successivo lavoro investigativo condotto dai Carabinieri di Ascoli insieme ai procuratori del tribunale di Fermo Piscitelli e Perlini ha poi portato all’arresto e alla condanna in primo grado degli artefici del furto con la conseguente morte di Maria Biancucci.
Tre, come si diceva, le condanne.
Il Processo, condotto con il rito abbreviato dal giudice Cesare Marziali, ha portato ad una sentenza che ha stabilito trentanni di carcere per Dante Longo, sedici anni per il nipote Sebastiano Piras e quattro anni per Zlatina Iordanova.


di Lorenzo Bracalente
lorenzo.bracalente@gmail.com
 





Questo è un articolo pubblicato il 23-01-2020 alle 23:00 sul giornale del 24 gennaio 2020 - 434 letture

In questo articolo si parla di cronaca, tribunale, omicidio, fermo, carcere, montegiorgio, furto, condanna, morte, giudice, articolo, lorenzo bracalente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfq7





logoEV
logoEV