Piattaforma digitale tra Italia, Spagna e Portogallo per incrociare curriculum degli studenti e aziende

Studenti e mondo del lavoro, l'ITIS Mattei protagonista di una piattaforma digitale tra Italia, Spagna e Portogallo 3' di lettura Senigallia 22/01/2020 - Una piattaforma digitale comune tra Italia, Spagna e Portogallo, dove verranno inseriti i curriculum degli studenti nei settori della meccanica, meccatronica e metallurgia ed i profili professionali richiesti dalle aziende, in modo da facilitare l’incontro tra scuola e mondo del lavoro, anche attraverso tirocini formativi nelle imprese dei tre paesi.

È l’obiettivo del progetto biennale Erasmus + K A2 “Dalla nascita all’età adulta”, che vede come promotore e leader l’istituto professionale portoghese “Escola professional de Aveiro” e partner la Provincia di Pesaro e Urbino, l’Itis “E.Mattei” di Urbino, la “Benelli Armi Spa” di Urbino, altri due istituti portoghesi e spagnoli, il Comune portoghese di Sever Do Vouga, il dipartimento dell’istruzione del Governo Basco e varie aziende spagnole e portoghesi. Dopo alcune tappe già realizzate (elaborazione della piattaforma digitale da parte dell’Istituto Politecnico di Porto, confronto in Portogallo tra insegnanti e aziende con esercitazioni sulla piattaforma stessa, tirocini degli studenti nelle aziende dei propri paesi), a fine febbraio si terranno i tirocini dei giovani nei paesi partner (per il “Mattei” partirà per Spagna e Portogallo un gruppo pilota degli indirizzi Meccanica e Meccatronica, che parteciperà ad un piano ‘problem based learning’, con metodologie di apprendimento basate sulla soluzione di un problema).

Questa mattina una delegazione di docenti, istituzioni e aziende italiane, spagnole e portoghesi (tra cui il professor Claudio Diaco dell’Itis “Mattei” di Urbino, l’ingegnere Adam Rustum della Benelli Armi spa e la referente italiana Gigliola Tagliaferri dell’Amministrazione provinciale di Pesaro e Urbino) è stata ricevuta in Provincia dal presidente Giuseppe Paolini e dal direttore generale Marco Domenicucci, prima di dare inizio ad una “due giorni” operativa in vista della messa a regime della piattaforma e della sua presentazione ufficiale nell’incontro conclusivo del progetto Erasmus + che si terrà a luglio nella provincia di Pesaro e Urbino.

“I progetti Erasmus hanno grande importanza per i giovani - ha detto il presidente della Provincia Giuseppe Paolini - perché permettono di fare esperienze in realtà diverse dalla propria e di acquisire competenze che possono essere poi sfruttate al meglio all’interno dei propri paesi di origine. Non credo che i giovani italiani debbano necessariamente trasferirsi all’estero per realizzare i propri sogni, anche se le esperienze formative in altri paesi contribuiscono ad allargare gli orizzonti”.

Da parte sua, il direttore generale Marco Domenicucci, ha definito i progetti Erasmus e gli altri progetti europei “fondamentali per riattivare quello spirito di solidarietà tra le nazioni e quel senso dell’Europa che è andato un po’ scemando in questi anni: lavorare insieme su temi comuni come lavoro, clima, migrazioni è importante, soprattutto quando protagonisti sono i giovani”.

Il programma della “due giorni” del gruppo di lavoro prevede anche una tappa a Villa Caprile (con visita guidata a cura degli studenti dell’Agrario “Cecchi”) ed una visita al “Museo Rossini” e alla “Sonosfera” offerta dal Comune di Pesaro.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-01-2020 alle 20:06 sul giornale del 22 gennaio 2020 - 389 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, pesaro, provincia di pesaro e urbino, pesaro e urbino, itis mattei urbino, benelli armi, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfnu