IN EVIDENZA





23 marzo 2020








...

Una riorganizzazione in un momento già delicato e complicato che ora rischia di mettere in ginocchio l'ospedale di Senigallia. Nei giorni scorsi il presidio ospedaliero cittadino, che dall'inizio dell'emergenza del Coronavirus ha accolto moltissimi dei pazienti positivi provenienti da Marche Nord, aveva trovato un suo equilibrio che gli consentiva di reggere l'onda d'urto dei ricoveri.










...

Il Welfare è un Investimento e non una spesa. Investire per il reddito delle categorie più deboli dei lavoratori (precari, disoccupati, autonomi, freelance, professionisti,ecc).


...

In occasione dell’ormai tradizionale Giornata Mondiale dell’Acqua fissata per domenica 22 marzo, Viva Servizi quest’anno non può proporre una serie di attività formative ed informative sul tema del rispamio dell’acqua, del riuso e del rispetto per la preziosa risorsa come fatto negli ultimi anni, ma non rinuncia a sottolineare i valori che si legano a questo avvenimento e che pone l’attenzione sul dato sconcertante secondo il quale, nel mondo, hanno carenza di acqua ben 663 milioni di persone.





21 marzo 2020











...

Pranzo Express srls è un'azienda artigianale con sede a Borgo Bicchia a conduzione familiare che produce pasti pronti senza conservanti aggiunti. Fino ad una settimana fa, serviva con consegne dirette tutto il centro-nord Italia e - tramite corriere - la Germania.



...

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha firmato venerdì 20 l’ordinanza n. 11 che, facendo seguito all'ordinanza n.10 firmata giovedì 19, aggiunge che gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande situati nei parcheggi attrezzati per tir rimangono aperte solo per gli autotrasportatori di merci, anche se situati al di fuori delle autostrade e delle superstrade.



...

Giovedì 19 marzo, Fim Cisl Fiom Cgil e Uilm Uil della provincia di Ancona hanno avuto un incontro telefonico con l’azienda circa la richiesta avanzata nei giorni scorsi di procedere alla messa in sicurezza e alla chiusura di tutti gli stabilimenti Aristonthermo e Thermowatt, nel rispetto dei decreti sin qui emanati dal Presidente del Consiglio e del protocollo d’intesa tra Governo, parti sociali e parti datoriali. I sindacati hanno inoltre sollecitato la messa a disposizione di tutti gli strumenti di protezione e la possibilità dell’utilizzo dello strumento di cassa integrazione ordinaria, da utilizzare dove necessaria per una verifica ulteriore sulla sicurezza dei lavoratori, e la possibilità di riorganizzare le produzioni. Pur riconoscendo che l’azienda si era adoperata in anticipo sull’emergenza, Fim Fiom e Uilm hanno ribadito con forza che la salute dei lavoratori viene prima di ogni singolo prodotto che esce dagli stabilimenti.