Corinaldo: al via TESPI rassegna di teatro sociale con lo spettacolo "Il Grande Gioco"

4' di lettura 21/11/2019 - Dal 22 al 30 novembre 2019, nelle tre città di Corinaldo, Jesi e Chiaravalle, va in scena la decima edizione di TESPI, rassegna multidisciplinare di teatro sociale che intreccia in maniera innovativa il mondo del teatro professionale, del sociale e dell’educazione.

TESPI è un crocevia di Teatro Sociale, Scuola e Formazione, ed offre alla comunità un ricco calendario di spettacoli, incontri, dibattiti, percorsi formativi, laboratori. Lo organizza l’ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata con il sostegno di MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Marche, AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali, in collaborazione con i tre comuni, e con Rassegna Malati di Niente, Asp Ambito 9, Ambito Territoriale Sociale n. 12, Cooss, Festival dell’Educazione, associazione Maestri di Strada Onlus.

Il cartellone prende il via venerdì 22 novembre alle ore 21 al Teatro Goldoni di Corinaldo con “Il Grande Gioco”, produzione della compagnia ATGTP per la regia di Simone Guerro. Lo spettacolo vede in scena lo storico attore del Teatro Pirata, Silvano Fiordelmondo, insieme a Fabio Spadoni, attore con sindrome Down, in una storia che commuove e diverte, che parla della vita, dell’amicizia e dei desideri da realizzare insieme. Protagonisti sono Fabio e Hector, due fratelli inseparabili; una notizia inaspettata irrompe nella loro vita e modifica il ritmo della loro relazione. Da quel momento parte una nuova avventura: i due compilano una lista dei desideri, da esaudire tutti, sfidando il tempo, come ogni grande gioco che si rispetti. In questo modo, in un divertimento continuo, che passa per un rocambolesco viaggio al mare, un’improbabile serata in discoteca, un lunapark e un ultimo inaspettato desiderio, si arriva alla fine di una intensa giornata. I due fratelli si lasciano andare, ognuno per il suo viaggio, serenamente perché consapevoli di avere vissuto tutto quello che c’era da vivere. La lista dei desideri è finita ma non la loro straordinaria storia.

Giovedì 28 novembre doppio appuntamento a Jesi.

Alle ore 17, a Palazzo Santoni, Tespi propone il Network di Teatro sociale, un incontro tra rappresentanti del mondo del teatro, delle istituzioni e del sociale per fare rete sulle progettualità del Teatro sociale nelle Marche. L’incontro è gratuito e aperto a tutti; segue un aperitivo per i partecipanti, occasione per incontrare il Microbiscottificio Frolla di Osimo, biscottificio solidale e artigianale che dà lavoro a ragazzi disabili.

Alle ore 21 al Teatro Il Piccolo va in scena lo spettacolo “Frankenstein”, spettacolo finale del laboratorio di Teatro Integrazione della Rete del Sollievo di Jesi ASP Ambito IX, in collaborazione con Dipartimento di Salute Mentale ASUR Area Vasta 2 di Jesi, Cooss Marche, con la riscrittura collettiva del romanzo di Mary Shelley, a cura di Silvano Fiordelmondo ed Enrico Marconi.

Ospite d’eccezione di Tespi, nel pomeriggio di venerdì 29 novembre a Jesi sarà Cesare Moreno, il “maestro con i sandali”, che con la sua Associazione Maestri di Strada Onlus si prende cura dei ragazzi della periferia orientale di Napoli, ‘usando’ il teatro come antidoto all’abbandono scolastico e alla criminalità. Dal 1998 è uno dei coordinatori del progetto Chance, per il recupero dei drop-out della scuola media, ed è formatore per l’inclusione sociale. L’incontro “L’arte è educazione”, aperto a tutti e gratuito, si tiene dalle ore 14,30 alle ore 18,30 presso il Liceo Classico V. Emanuele II, e parla del grande potenziale formativo e civile dell’arte nel promuovere un valido sostegno alla crescita dei più giovani.

L'incontro è realizzato in collaborazione con il Festival dell'Educazione di Jesi.

Sabato 30 novembre Tespi si sposta al Teatro Valle di Chiaravalle, alle ore 21, per lo spettacolo “Domino” della compagnia Generazione Eskere, per la regia di Alice Sinigaglia. In scena 7 attori, in una storia che mette al centro il più emblematico degli ambienti sociali: la Famiglia, culla di contraddizioni, caotica somma di punti di vista in cui il giudizio oggettivo è ostacolato dal più potente dei filtri esistenti, l’amore. Lo spettacolo, pluripremiato, ha ottenuto la menzione speciale del Premio Scenario Infanzia 2018, del Festival Teatri di Mondo 2019, e del Festebà 2019. Lo spettacolo è promosso da Amat.

Completano il programma i percorsi di formazione riservati alle scuole, con gli incontri “Il sociale e il teatro fra fare e vedere” in collaborazione con Rassegna Malati di Niente. Il 26 novembre ore 10 al Teatro il Piccolo di jesi e il 28 novembre al Teatro Valle di Chiaravalle, gli studenti assisteranno agli spettacoli finali dei laboratori di Teatro Integrazione della Rete del Sollievo di Jesi Asp Ambito IX e della Rete del Sollievo ATS12, in collaborazione con Dipartimento di Salute Mentale Asur area vasta 2 e Cooss Marche: “Frankeinstein” a cura di Silvano Fiordelmondo e Enrico Marconi, e “From Future to love” a cura di Lorenzo Bastianelli. Studenti e partecipanti al gruppo della rete del sollievo avranno poi modo di lavorare insieme nei laboratori teatrali che si terranno a dicembre presso l’I.I.S Galilei di jesi e l’I.I.S. Podesti Calzecchi-Onesti di Chiaravalle.


da ATGTP
Associazione Teatro Giovani-Teatro Pirata







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2019 alle 11:57 sul giornale del 22 novembre 2019 - 336 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, jesi, senigallia, serra san quirico, teatro ragazzi, atgtp, Associazione Teatro Giovani-Teatro Pirata

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bc5U





logoEV
logoEV