Apre a Senigallia il Museo del giocattolo antico

3' di lettura Senigallia 09/11/2019 - Taglio del nastro per il Museo del giocattolo antico di Senigallia, che nel pomeriggio di venerdì 8 novembre ha aperto finalmente i battenti.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza del Sindaco Maurizio Mangialardi, dell’Assessore alla cultura e pubblica istruzione Simonetta Bucari, dell’Assessore alle pari opportunità e gemellaggi Ilaria Ramazzotti unitamente ad altri consiglieri comunali e altre autorità dell’Amministrazione Comunale di Senigallia e anche alla gradita presenza della Delegata FAI della provincia di Ancona Arch. Manuela Francesca Panini e alla Delegata FAI Senigallia Arch. Maria Rosa Castelli.

Il museo, che ha una storia più che ventennale, nasce dalla passione e dall’amore per i giocattoli antichi di Gabriele Schiavoni, in arte Ogiva, che nel 1998, fece una scommessa, aprire il primo museo del giocattolo in Ancona, la sua città, nella centralissima Via della Loggia. Il museo fu ospitato in seguito anche a Sirolo, e dopo alcune mostre itineranti, tra le quali una nella splendida sala liberty di Montecatini Terme e una anche a Lisbona, tornò recentemente di nuovo ad Ancona, a Palazzo Marcolini, sul colle Guasco dove ha rappresentato, un’isola felice, culturalmente parlando, per tanti anconetani, che lo rimpiangono.

Ora il museo ha trovato una sede nuova e prestigiosa, nel centro storico di Senigallia, in quelle che furono le scuderie dell’antico ed imponente palazzo settecentesco Monti Malvezzi, che sono così ritornate al loro originario splendore. Il museo vanta una preziosa collezione di giocattoli antichi dall’Ottocento fino all’immediato dopoguerra, inoltre la collezione del museo si è arricchita con altri importanti giocattoli donati da una nobile famiglia dell’antico Regno di Napoli.

Le ventitré vetrine sono corredate da un percorso storico-artistico al fine di inserire i giocattoli nel contesto storico-culturale che li ha prodotti; una delle vetrine presenta delle riproduzioni di antichi giocattoli e bambole dell’epoca romana, come la celebre bambola di Crepereia Tryphaena, sono stati eseguiti da Lorenzo ed Anna Marconi dell’Orient Express di Senigallia, una delle eccellenze di Senigallia. A far da cornice al museo, all’interno ci sono un piccolo teatro, disponibile per eventi culturali e un caffè letterario, a disposizione dei fruitori del teatro, contenente libri artistici e letterari di pregio. Il tutto in un ambiente ricco di fascino, elegante e curato nei dettagli, ricco di suggestioni che solo le cose rare ed antiche riescono ad evocare un luogo in poche parole unico nel suo genere, che ci auspichiamo possa diventare un polo culturale polifunzionale di qualità e di pregio, così come si presenta già ai visitatori, a disposizione della città e di chiunque voglia poter sfruttare tutte le potenzialità che questo luogo offre.

Il Museo avrà anche il piacere di presentare la storia del giocattolo antico anche alle scuole, dove gli alunni saranno condotti da una guida, che utilizzando i toni più appropriati all’età dei bambini, li condurrà in un viaggio lungo i secoli alla scoperta dell’affascinante storia dei giocattoli antichi, quelli che fecero la gioia dei nonni dei loro nonni, una storia poco conosciuta anche dai più grandi.

Gli orari di visita del museo sono i seguenti:

Da martedì a domenica: Mattina 10-12,30. Pomeriggio 16-19,30

Durante il periodo estivo anche 21,30-24. Chiuso il lunedì

Gli orari potranno subire variazioni durante gli eventi culturali del teatro.

Email: museogiocattoloantico@gmail.com

Info scuole e gruppi: tel 3341532782

Info eventi culturali: tel 3456251238

Pagina Facebook: Museo del giocattolo antico Senigallia

Foto di Patrizia Lo Conte e Elena Turchi








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2019 alle 17:18 sul giornale del 11 novembre 2019 - 5155 letture

In questo articolo si parla di attualità, museo del giocattolo antico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcBk





logoEV