Peer & Media Education sulla Violenza di genere a DIDACTA

2' di lettura Senigallia 29/10/2019 - Esattamente due anni fa una Rete pubblica (ATS), composta dal Liceo Perticari, l’IIS Padovano, l’I.C. Sanzio di Falconara e l’Assessorato alle Pari Opportunità - Consiglio delle Donne - del Comune di Senigallia, presentò al Dipartimento per le Pari Opportunità un progetto di Peer e Media Education sul tema della violenza di genere.

Le attività in realtà sono iniziate un anno fa, dopo che il Dipartimento comunicò alla Rete l’aggiudicazione del finanziamento del progetto. In sintesi, elenchiamo le varie fasi che si sono svolte fino ad oggi:

  1. Formazione dei docenti Hanno partecipato Francesca Gambadori, Stefano Sanjust e Salvatore Gentile dell’I.I.S. “Bettino Padovano”; Monica Ciminaghi, Silvia Sampaolesi e Renzo Petrelli dell’IC “Raffaello Sanzio” di Falconara; Patrizia Pasquali, Loredana Spadoni e Giulia Santarelli del Liceo Perticari di Senigallia. La formazione è stata curata da Moreno Marcucci e Michela Boscaro del Centro Studi Nostos.

  2. Selezione e formazione dei Peer Educator. 8 ragazzi per scuola la cui formazione è stata curata dai consulenti.

  3. Preparazione dei kit didattici che è consistito nella predisposizione di una guida di lavoro, con esempi e strumenti, a disposizione dei peer educator per il trasferimento ai loro pari dei contenuti relativi alla violenza di genere.

  4. Preparazione, programmazione e gestione degli incontri con le classi a cura dei peer e con il supporto dei docenti.

L’ultima fase, quella della presentazione di tutto il lavoro svolto, sarà svolta nel corso della settimana dedicata alla “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” (26 Novembre alla Fenice). Il progetto, comunque, ha già fatto parlare di sé in occasione di un intervento di due docenti dell’I.C. Sanzio, Monica Ciminaghi e Silvia Sampaolesi, a DIDACTA, la fiera nazionale dell’innovazione scolastica che si svolge ogni anno a Firenze. L’intervento ha voluto sottolineare come la Peer & Media Education, in ambito pedagogico e didattico, sia un’opportunità culturale, educativa e formativa, perché coniuga i mezzi di comunicazione contemporanei con i nuovi differenti approcci dei ragazzi di fronte all’universo digitale.

Se l’obiettivo del progetto era quello di promuovere la conoscenza della problematica della violenza di genere con l’ausilio delle nuove tecnologie della comunicazione, l’entusiasmo dimostrato dai peer educator nel saper coinvolgere i loro compagni sulla delicata questione, conferma che la strada didattica intrapresa sia quella giusta.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2019 alle 08:22 sul giornale del 30 ottobre 2019 - 519 letture

In questo articolo si parla di lavoro, alberto di capua

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcca

Leggi gli altri articoli della rubrica NeT aT wOrK





logoEV
logoEV