Estirpati gli alberi piantati durante "lo sciopero per il clima", la denuncia di Fridays for Future

1' di lettura Senigallia 22/10/2019 - Venerdì 27 settembre, durante lo sciopero per il clima, che ha visto la partecipazione di molte centinaia di studenti e cittadini, un tema locale era "Via le ruspe dai fiumi!"

In quella occasione sono stati piantati 20 alberelli (5 roverelle, 5 ornielli, 5 prugnoli e 5 aceri campestri) nelle vicinanze del cantiere sul Misa. Un gesto positivo contro le ruspe delle Regione che hanno eliminato tantissimi esemplari di alto fusto protetti (querce e pioppi bianchi) per rifare un tratto di argine. Ma "qualcuno" di nascosto, da vile, ha pensato bene di rimuovere, rubare?, i piccoli arbusti. Un gesto di "grande civiltà", di "esempio per i giovani", Una carognata meschina. Un poveraccio. Quando nella testa si hanno solo i muri, di terra in questo caso, si agisce in questa maniera: da ottusi.

Questo non mina la nostra convinzione a proseguire l'impegno per la difesa dell'ambiente, per la lotta ai cambiamenti climatici.

Presto porteremo ghiande, semi di acero e di tanti altri alberi lungo il fiume.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2019 alle 15:44 sul giornale del 23 ottobre 2019 - 1863 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbW0