Senigallia: Lo Ius culturae divide Pd e 5 Stelle: Volpini alla Morani, "La dignità non si baratta"

fabrizio volpini 2' di lettura Senigallia 30/09/2019 - Accantonato il tema caldo dello Ius Soli (costato caro in termini di consensi elettorali alla maggioranza di Governo dell'ex premier Renzi), a dividere il M5S e lo stesso Pd è ora la questione dello Ius Culturae.

La proposta di legge su cui l'attuale maggioranza si sta confrontando alla Camera è quella relativa allo Ius Culturae, che prevede che "può ottenere la cittadinanza italiana il minore straniero, nato in Italia o entrato in Italia entro il 12esimo anno di età, purché abbia frequentato regolarmente per almeno cinque anni uno o più cicli di studio o seguito percorsi di istruzione e formazione professionale triennali o quadriennali per conseguire una qualifica professionale".

Sulla proposta di legge a frenare non sarebbe solo il M5S ma anche una parte del Partito Democratico e tra questi di forte contrasto è la posizione del sottosegretario allo sviluppo economico Alessia Morani che nelle ultime ore ha bollato la proposta di legge come "un errore in questo momento". "Premetto che lo ius culturae è un principio sacrosanto ed una legge di grande civiltà ma riprendere ORA il dibattito sull’approvazione di questo provvedimento è un errore -ha scritto la Morani sul suo profilo Facebook- Una legge di questo tipo deve essere approvata solo dopo avere dimostrato che c’è un modo efficace e diverso da quello di Salvini di governare i flussi migratori e di fare sul serio politiche di integrazione. Il paese è profondamente diviso sul tema dell’immigrazione e non basterà approvare una legge sullo ius culturae per eliminare le tossine del razzismo inoculate da Salvini. Anzi, rischia di avere l’effetto contrario perché ORA non sarebbe compresa".


Ma il Partico Democratico non è d'accordo, almeno per la gran parte con la posizione del sottosegretario. Tra questi anche Fabrizio Volpini, presidente della Commissione regionale sanità, che replica alla Morani. "Cara Alessia Morani, non ho condiviso molte delle tue posizioni politiche, prendo atto che nonostante la tua spassionata ammirazione politica per Renzi, da neo sottosegretaria allo sviluppo economico, non lo hai seguito nella sua nuova avventura politica, ma mi dissocio nettamente dalla tua presa di distanza sul possibile provvedimento del Governo dello Ius Culturae per il timore di fare un regalo elettorale alla Lega, di fronte ai diritti di centinaia di ragazzi, di giovani che sono italiani a tutti gli effetti, magari con un colore della pelle diverso, non ci sono calcoli elettorali che tengono. La dignità non si baratta, va difesa sempre.......io almeno la penso così".






Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2019 alle 14:12 sul giornale del 01 ottobre 2019 - 977 letture

In questo articolo si parla di vivere senigallia, fabrizio volpini, giulia mancinelli, politica





logoEV
logoEV