Wolf Bukoswki presenta il suo libro "La buona educazione degli oppressi"

1' di lettura Senigallia 24/09/2019 - “Sicurezza”,“decoro”,“degrado”, sono le parole chiavi che in questi anni hanno scandito le politiche securitarie nelle città, siano esse grandi metropoli o centri di provincia. In realtà sono l’espressione di una vera e propria guerra, combattuta tra le strade, contro poveri, migranti, movimenti di protesta e marginalità sociali.

Sono termini diventati centrali nella politica, ma fatte della sostanza di cui son fatti i miti. Lo scopo è cancellare ogni riferimento di classe per delimitare un dentro e un fuori, in cui il conflitto non è tra sfruttati e sfruttatori, ma tra noi e loro, gli esclusi, che nel neoliberismo competitivo da vittime diventano colpevoli: povero è chi non si è meritato la ricchezza. Il mendicante che chiede l'elemosina, il lavavetri ai semafori, il venditore ambulante, il rovistatore di cassonetti, dipinti come minacce al quieto vivere.

Sotto la maschera del bello vi è il ghigno della messa a reddito: garantire profitti e rendite tramite gentrificazione, turistificazione, cementificazione, foodificazione. Queste tematiche sono al centro del libro “La buona educazione degli oppressi” di Wolf Bukowski, edizioni Alegre, che l’autore presenterà venerdì 27 settembre alle ore 21.15 allo Spazio Autogestito Arvultura. Bukowski sottolinea come l'adesione della sinistra a questi dogmi abbia spalancato le porte all'egemonia della destra. Una perlustrazione dell'«abisso in cui, nel nome del decoro e di una versione pervertita della sicurezza, ci sono fioriere che contano come, e forse più, delle vite umane».








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-09-2019 alle 11:16 sul giornale del 25 settembre 2019 - 301 letture

In questo articolo si parla di attualità, spazio occupato arvultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baUF





logoEV
logoEV