Serra de’ Conti: arriva il progetto europeo Dance in, stage, spettacoli, concerti, cortometraggi

5' di lettura 19/08/2019 - Dalla Spagna all’Italia nel segno dell’inclusione e integrazione. Il progetto europeo Erasmus Plus "Dance in" (Dance Accessibility Inclusion), promosso dall’Asd Ijshaamanka di Pergola, fa tappa in Italia, nelle Marche, a Serra de' Conti, dal 21 al 25 agosto.

La sfida è quella di portare la danza inclusiva ad essere una delle metodologie di danza più innovative. Inclusione sociale, pari opportunità, la diversità come ricchezza alla base del progetto che vede collaborare Italia, Spagna e Inghilterra.

Dopo essere stato protagonista in primavera ad Alicante, il progetto sarà di scena nel centro in provincia di Ancona, e prenderà la forma di un evento comunitario come esperienza condivisa, pensato e organizzato grazie alla collaborazione attiva di artisti e operatori culturali che operano da anni nel settore. Ospiti i due partner europei del progetto: il gruppo di Norwich (Inghilterra), la fondazione teatro The Garage Trust Ltd, e quello spagnolo, l’Asociación Cultural de Danza Integrada Rueda Pies di Murcia

Il palcoscenico italiano è stato concepito come un momento di alta formazione per tutti i partecipanti, sia nella danza inclusiva che nell'arte dello spettacolo, grazie a quattro giorni di intenso lavoro. Alla fine di questo viaggio di incontri e workshop, guidati da coreografi e formatori professionisti dei tre paesi coinvolti, insieme allo sguardo compositivo di Andrea Fazzini, regista e fondatore della compagnia Teatro Rebis di Macerata, nascerà una traversata poetica di Serra de' Conti. Una passeggiata per tappe, un'esperienza condivisa itinerante, che verrà presentata la sera del 24 agosto dalle 19. L'ultima tappa si svolgerà nella piazza del paese, dove verrà presentato il progetto. Queste azioni sono parte integrante di Ospite 19-Nottenera, la seconda edizione del festival della reciprocità (gratuito), dedicato alla riflessione e all'esperienza dell'incontro con gli altri, alla possibilità di una relazione. Gli ospiti continueranno fino a tarda notte con spettacoli, concerti, film e cortometraggi animati.

Un evento pensato e organizzato grazie alla collaborazione attiva di artisti e operatori culturali che operano da anni nel settore, noti a livello nazionale e internazionale come Andrea Fazzini, regista e fondatore della compagnia Teatro Rebis di Macerata; Petra Bartels, artista visuale poliedrico, ricercatore di forme attraverso la sperimentazione di materia e colori naturali, tedesca di nascita e marchigiana di adozione; Carlo Pescosolido, percussionista, attivamente impegnato come educatore in varie scuole nelle Marche; Mirco Priori, sassofonista diplomato al Conservatorio di Musica di Ferrara; Monia Mattioli, ballerina professionista e coreografa, direttrice del centro studi della scuola di movimento e accademia di danza "Mi La Danse- Ijshaamanka”; Sabrina Maggiori, designer culturale e art director di numerosi progetti creativi, anche del festival multidisciplinare Nottenera di Serra de' Conti. Nella squadra italiana anche il giornalista Marco Spadola, il cameramen/video maker Giacomo Temeroli, gli attori e i ballerini Andrea Filipponi, Sandro Rotatori, Ilaria Mannicci ed Elisa Pasqualini, Mila Taddei, la coordinatrice e responsabile del progetto Giancarlo Taddei, Alfea Londei e Sonia Sdogati, a capo dell'associazione, il "Giardino Bucaneve".

Programma dettagliato:

21 agosto

Serra de’ conti - Palazzetto dello sport: dalle 16 alle 20 primo incontro internazionale di danza inclusiva aperto a tutti coloro che vogliono partecipare allo stage. Con la partecipazione e la conduzione del laboratorio da parte dei docenti delle 3 delegazioni del progetto "Dance In": Asd Ijshaamanka (Italia); company "Rueda Pies” (Spagna); ltd "The Garage”(Inghilterra). Con la conduzione del regista teatrale Andrea Fazzini e la collaborazione delle associazioni "Clorofilla" e “Giardino dei Bucaneve”.

22 e 23 agosto

Presso la scuola di danza Serra Dé Conti "Mi La Danse”, via A. Merloni 32, dalle 16 alle 20, laboratorio di danza inclusiva aperto solo ai membri dei 3 team europei.

24 agosto ore 19,00 piazza centrale di Serra de' Conti,

Evento all'interno del festival "NotteNera ospite" (https://www.facebook.com/linguaggicontemporanei/)

HOSTIS PERFORMANCE

Host-Hostile-Host Ostia è una doppia parola nella tradizione latina. Triplo se aggiungiamo quello indo-europeo. Hostis è ospite, ospite, ostile, straniero, signore dello straniero, nemico, vittima, nella sua forma più completa "colui che è riconosciuto avere gli stessi diritti dei cittadini romani", ma è anche Ghostis, metà fantasma e metà ospite. Nella stessa radice la nobiltà dell'accoglienza e la paura del diverso - differenti per origine, cultura, sessualità, forma del corpo, forma psichica, differenti per convenzione. Per "Dance in", un progetto vocazionale inclusivo, esamineremo la natura contraddittoria dell'esperienza con i diversi. Non uno spettacolo, non solo uno spettacolo, ma la presentazione di un cantiere aperto, che condivide i primi passi di un percorso artistico internazionale che si apre allo spettatore, che si apre a una comunità. Parlare solo teoricamente degli obiettivi di un progetto così ambizioso e delicato come "Dance in", sembrava inappropriato, quasi disonesto. Così abbiamo pensato, in occasione di 'Ospite - Nottenera 2019', di un incrocio performativo tra gli angoli e le piazze di Serra de 'Conti, per dare carne, movimento, corpo, gesto, segno al significato intimo ed evolutivo di questo nostro zattera poetica, per condurla verso un momento di riflessione comune. L'Hostia, nel rituale romano, indicava correttamente "la vittima che serve a compensare l'ira degli dei" - qualcuno di puro da sacrificare alla tirannia del culto. È ancora così?








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-08-2019 alle 10:19 sul giornale del 20 agosto 2019 - 544 letture

In questo articolo si parla di attualità, serra de' conti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0NR





logoEV