La Polizia blocca dopo un rocambolesco inseguimento contromano due automobilisti

polizia stradale 2' di lettura Senigallia 21/07/2019 - Continuano senza soluzione continuità i servizi di controllo del territorio in ambito provinciale attuati dal Questore Pignataro, con le pattuglie della Questura ed il coinvolgimento delle pattuglie delle Polizia Stradale di Macerata diretta dal Comm. Capo Tommaso Vecchio.

Al fine di evitare le stragi causati da automobilisti sotto l’effetto di Alcool e Droga e, quindi, salvare vite umane di cittadini che purtroppo si trovano a volte vittime loro malgrado nonostante la campagna d’informazione e i numerosi servizi che la Polizia attua ogni giorno nel territorio provincia. Ed è proprio grazie ai continui servizi pianificati dalla Questura con la collaborazione principale della Polizia Stradale che ogni giorno si evitano incidenti stradali di una certa gravità quasi sempre causati da conducenti sotto l’effetto di Alcool e Droga non in grado di condurre un veicolo In tale delicato contesto operativo, che la Polizia Stradale assicura sempre in maniera Straordinaria ed Eccezionale, sotto la guida di Vecchio, ogni giorno si controllano una moltitudine di automobilisti, rilevando una miriade di violazioni al codice della strada, che mettono in serio pericolo la pubblica incolumità.

Non è raro, infatti, che le persone più avventate si mettano alla guida dopo aver assunto dosi rilevanti di alcool e droga, in guisa tale da mettere a repentaglio la vita degli automobilisti più prudenti che, invece si mettono alla guida della propria automobile rispettando la legge al fine di non causare quegli incidenti che possono portare dolore nelle persone che rimangono coinvolte con gravi menomazioni fisiche e mentali. Nella nottata di sabato alcune pattuglie della Polizia Stradale impegnate nei servizi di vigilanza stradale e contrasto alla guida in stato di ebrezza, ha intimato l’alt a diversi autoveicoli, fra i quali due di questi che si sono dati alla fuga e nel tentativo maldestro di sfuggire ai controlli, dopo un rocambolesco inseguimento a sirene spiegate, venivano bloccati.

In particolare, un trentottenne di Monte Urano alla vista della paletta della Polstrada, invece di fermarsi ha pigiato l’acceleratore e ha tentato di dileguarsi lungo la Statale Adriatica in direzione sud. Gli operatori di Polizia si sono posti immediatamente all’inseguimento del fuggiasco riuscendo a fermarlo dopo un paio di chilometri. Durante la fuga l’uomo ha commesso una serie considerevole di infrazioni, non curante dei pericoli causati agli altri utenti della strada, tra cui sorpassi vietati e velocità pericolosa. Una volta fermato è emerso che il conducente aveva la patente scaduta da oltre 10 anni e guidava un veicolo non sottoposto a revisione. Dai successivi controlli, inoltre, si accertava anche lo stato di ebbrezza e pertanto allo stesso venivano comminate tutte le sanzioni rilevate, per un totale di 9 verbali e un ammontare di quasi 2000 euro di multa.






Questo è un articolo pubblicato il 21-07-2019 alle 22:39 sul giornale del 22 luglio 2019 - 1184 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, articolo





logoEV
logoEV