Mangialardi sul bando "gratuito" per il Musinf: "Nessuno scandalo, è sempre stato così"

1' di lettura Senigallia 26/06/2019 - É polemica sul bando del Comune che cerca un nuovo direttore del Musinf, il Museo Comunale d’Arte Modera, dell’Informazione e della Fotografia . L'avviso di selezione è rivolto a personale altamente qualificato che dirigerà il Museo per i prossimi tre anni.

Fin qui niente di strano se non fosse che l'incarico è a titolo completamente gratuito. Provvedimento contro il quale si è scagliato il Collettivo "Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali" che ne chiede il ritiro.

“Non ci si può scandalizzare per una cosa del genere -afferma il primo cittadino- nel nostro ente esistono tanti altri ruoli apicali legati alla cultura che prestano la propria opera in modo totalmente gratuito. Penso al direttore del Museo della Mezzadria o a quello della Luas, la libera università della terza età. Il direttore del Musinf non ha mai percepito un solo euro. Per 22 anni è stato guidato dal prof. Carlo Bugatti, che ha sempre operato a titolo gratuito. Purtroppo il professor Bugatti è recentemente e improvvisamente scomparso. Questa grande perdita non ci ha dato la possibilità di organizzarci. Il bilancio in questo momento non può essere toccato e il Comune non può procedere con assunzioni. Di qui la scelta di continuare con una direzione del Musinf a titolo gratuito, situazione che per altro sarà transitoria e non definitiva”.

Il primo cittadino si dice “sorpreso” per il clamore suscitato dal bando emesso proprio l'altro giorno. “Mi preoccuperei se venissi accusato di sperperare i soldi pubblici, non di fare risparmiare denaro alla collettività -aggiunge- francamente ritengo davvero sterile la polemica legata alla gratuità della prestazione”.






Questo è un articolo pubblicato il 26-06-2019 alle 23:19 sul giornale del 27 giugno 2019 - 1239 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a81R





logoEV
logoEV