"80 voglia di cantare", lo spettacolo di fine anno della scuola "Fagnani"

3' di lettura Senigallia 07/06/2019 - Una grande carica di energia è quella che si è sprigionata dalla scuola “Fagnani”, che martedì scorso si è esibita nel tradizionale spettacolo di fine anno. “80 voglia di cantare”, oltre ad essere il titolo, è stato davvero il programma della serata, che ha gremito il teatro “La Fenice”.

Guidati dai docenti Daniele Gemignani e Stefania Imperiale - e incorniciati dalle aeree e coloratissime scenografie di Monica Alesi e Patrizia Posanzini - gli alunni delle classi prime e seconde hanno proposto un repertorio esemplare degli anni Ottanta, sottolineando il desiderio di spensieratezza, l’ironia, la voglia di sperimentare tipiche di quel decennio musicale.

A sostenere il coro più di quaranta chitarristi del corso D e un ensemble di musicisti formato da docenti e amministrativi della scuola: Auro Barabesi alla chitarra elettrica, Pasquale Corbisiero all’acustica, Elena Solai al flauto, Lara Moroni e Fabrizio Chiappetti al piano e tastiere. Tutti insieme hanno conferito intensità e brio alle canzoni della scaletta, coinvolgendo a più riprese gli spettatori.

Tanta voglia di cantare sì, ma anche di pensare. L’ultimo brano, infatti, è stato un inedito sul tema della legalità, ideato e composto dagli studenti che hanno partecipato al corso pomeridiano “Parole e musica” diretto da Antonella Vento, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (Pon): segno evidente che il cuore degli adolescenti non batte solo al ritmo della musica trap.

È stata poi la volta di un bellissimo video, realizzato dagli alunni con l’aiuto esperto di Daniele Manoni e dedicato al “Protocollo di Palermo”, ovvero la strategia di cooperazione messa a punto da Giovanni Falcone quando era alla guida del pool antimafia. Il filmato, insieme ad altri prodotti durante l’anno, ha ricevuto numerose menzioni e riconoscimenti anche a livello nazionale.

Infine la danza, che ha visto impegnati due gruppi nella coreografia di altrettanti balletti. Il primo, anch’esso frutto di un corso Pon, è stato coordinato da Francesca Agoccioni e ha ricordato Peppino Impastato, coraggioso e giovane giornalista ucciso dalla mafia nel ’78; mentre il secondo gruppo, seguito da Raffaella Bacchiocchi, ha ripreso il filo dei ricordi musicali degli anni Ottanta, sapientemente mixati con le sonorità e i ritmi amati dai ragazzi di oggi. Il tutto impreziosito dalle presentazioni e dalle immagini di sottofondo, selezionate e montate dagli alunni insieme a Nadia Magnini.

Uno spettacolo, insomma, che ha destato l’entusiasmo e l’ammirazione del pubblico, compreso il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale delle Marche, dottor Marco Ugo Filisetti. Invitato sul palco dalla Dirigente Scolastica Anna Scimone insieme all’assessore Simonetta Bucari – che ha portato il saluto dell’Amministrazione comunale – Filisetti ha rivolto agli allievi della “Fagnani” parole tutt’altro che di circostanza.

"Il termine “musica” – ha detto – deriva dalle muse, le divinità greche poste a protezione delle arti. In un certo senso è l’arte delle arti, anche perché ha il compito di portare l’armonia nel caos del mondo". Che in fondo è anche la finalità della scuola, quando cerca di offrire le conoscenze e le competenze necessarie per affrontare le complesse sfide della vita.


da Istituto Comprensivo 'Senigallia Centro Fagnani'
 







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2019 alle 16:08 sul giornale del 08 giugno 2019 - 1719 letture

In questo articolo si parla di scuola, fagnani, fabrizio chiappetti, spettacoli, Istituto Comprensivo Senigallia Centro “Fagnani”





logoEV