La grande Arte al cinema Gabbiano

2' di lettura Senigallia 19/05/2019 - Torna la grande Arte al cinema con un nuovo film documentario che racconta la straordinaria figura di Andrea Palladio (1508-1580), uno degli architetti più influenti di sempre.

La sua opera è stata ammirata nel corso di generazioni e ha ispirato la costruzione dei più importanti edifici di potere del mondo, specialmente negli Stati Uniti: basti pensare alla Casa Bianca e al Congresso, ma anche alla Borsa di New York o alla casa di Jefferson a Monticello.

Palladio, realizzato con la magia dell’8K, intreccia il contesto storico e culturale di Palladio con la sua attuale e moderna eredità, attraverso lo sguardo e le voci di coloro che oggi studiano e preservano la sua opera per le generazioni future.

Divenuto uno degli architetti più influenti di ogni epoca, Andrea Palladio cercò sempre la leggiadria della perfezione assoluta. Fu Gian Giorgio Trissino a conoscerlo a Padova e condurre in una Roma trascurata e caotica questo giovane scalpellino, che si impose di dare forma e ordine alla città.

Sebbene l’architettura del Palladio sia confinata quasi esclusivamente in Veneto (il Teatro Olimpico e la Basilica Palladiana di Vicenza, Villa Badoer a Rovigo, San Giorgio Maggiore e la Basilica del Redentore a Venezia, solo per citare gli esempi più famosi), il suo stile e le sue regole divennero presto famose e studiate in tutta Europa e da qui negli altri paesi di tradizione anglosassone, dando vita a un fenomeno culturale noto come palladianesimo, diffuso in particolare nel Regno Unito, in Irlanda, negli Stati Uniti, ma anche in Russia.

La pellicola mostrerà naturalmente alcune delle più belle ville italiane, ora patrimonio UNESCO, che furono residenze esclusive della nobiltà veneziana durante il Rinascimento. L’intento è quello di mostrare visivamente il legame profondo tra il retroterra culturale da cui nacque il suo genio e i più iconici simboli moderni, dal momento che Palladio è stato ufficialmente nominato nel 2011 dal Congresso degli Stati Uniti d’America - con la risoluzione n° 259 del 6 dicembre 2010 - “il padre dell'architettura americana”.

Il film diretto da Giacomo Gatti svela dunque i segreti delle sue opere attraverso interviste esclusive, proponendo una testimonianza in grado di stimolare l'interesse degli appassionati, ma soprattutto una grande lezione di architettura, arte e cultura in senso più ampio.

Gli spettacoli sono in programma alle ore 21.15 di lunedì 20 e martedì 21 maggio, nonché alle ore 18.30 di mercoledì 22.

Come sempre, ricordiamo a chi voglia evitare file che il biglietto è acquistabile in qualsiasi momento anche online attraverso il sito www.cinemagabbiano.it.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2019 alle 13:25 sul giornale del 20 maggio 2019 - 391 letture

In questo articolo si parla di cinema, cinema gabbiano, senigallia, spettacoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7EP