Fano: sgominata la banda del bancomat. Erano armati fino ai denti, trovato anche un kalashnikov

Senigallia 19/04/2019 - Sono almeno sette i colpi messi a segno dalla banda individuata dai carabinieri di Fano. Erano “soliti” far saltare gli sportelli bancomat con dell’esplosivo, di cui erano abbondantemente in possesso. Si chiama “tecnica della marmotta”, e i criminali in questione hanno dimostrato di essere dei veri professionisti in materia. Ora i due custodi della banda sono stati arrestati.

Nome in codice “Piedi di Covo”. Si chiama così l’operazione portata a compimento dai militari della caserma di Fano. Tutto è cominciato con il ritrovamento di materiale esplosivo in un’autorivendita di Lucrezia di Cartoceto. Era la scorsa estate. Da qui l’inizio delle indagini.

Le recenti perquisizioni avvenute a Mediglia (Milano), Fano, Orta Nova (Foggia) e Cassano alle Murge (Bari) hanno portato ai due arresti in questione, quelli di G.B. – 36enne di Orta Nova – e D.C. di 64 anni. Sono loro i due custodi della banda di malviventi, trovati anche in possesso di armi – tra cui un kalashnikov - , esplosivi e strumenti da scasso. Fondamentali, ai fini delle indagini, le immagini raccolte attraverso i diversi sistemi di videosorveglianza.



Resta aggiornato in tempo reale con il nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp aggiungere il numero 350 564 1864 alla propria rubrica e inviare un messaggio - anche vuoto - allo stesso numero
  • Per Facebook Messenger cliccare su m.me/viverefano
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2019 alle 11:47 sul giornale del 20 aprile 2019 - 2424 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, carabinieri, ladri, lucrezia, bari, milano, foggia, bancomat, carabinieri di fano, lucrezia di cartoceto, articolo, Simone Celli, tecnica della

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6GL





logoEV