Fratelli d'Italia: Bello declina l'invito a candidarsi alle europee

Senigallia 14/04/2019 - Anche la delegazione di Senigallia e Valli Misa e Nevola del partito di Giorgia Meloni ha partecipato all'Assemblea programmatica di Fratelli d'Italia, che si è tenuta a Torino sabato 13 e domenica 14 all'insegna della politica. Quella nazionale. Quella vera. Quella di Destra.

Due giorni con un ricco programma di riunioni e di appuntamenti. I vertici del partito a Senigallia, rinnovati proprio nei giorni scorsi alla presenza dell'On. Guido Crosetto, con nuove adesioni d'eccellenza, hanno portato le istanze di questo territorio al cospetto di un'assise nazionale, che è stata fondamentale per quello che la Destra farà nelle prossime settimane e mesi.

Il nuovo Coordinatore comunale Davide Da Ros, che è anche il responsabile del neonato Gruppo al Consiglio Comunale, non ha dubbi. “Senigallia e il suo comprensorio rappresentano – ha detto Da Ros - una realtà politica, che per troppo tempo sono stati considerati ininfluenti nei programmi dei partiti del passato. Ora, per alcuni, tale considerazione è ancora tale. Non certo per Fratelli d'Italia, che al contrario dimostra di essere e di voler essere un punto di riferimento, a cui in tanti stanno guardando con fiducia. Giorgia Meloni sta facendo un ottimo lavoro per coagulare attorno a sé interesse e consenso. In questo territorio, noi non vogliamo essere da meno. Ecco perché lo sforzo profuso e l'impegno per il prossimo futuro indicano che il vento sta cambiando davvero. Noi siamo andati a Torino non solo perché è stato nostro dovere farlo, ma anche perché desideriamo che questo territorio svolga un ruolo trainante per la provincia di Ancona e per la regione Marche, sia nei prossimi appuntamenti elettorali che di allargamento del nostro partito a quanti sono stimolati dalla nostra politica e dalle nostre attività culturali e sociali”.

A Davide Da Ros ha fatto eco Marcello Liverani, da poco nominato membro dell'Assemblea nazionale, il 'parlamentino' di Fratelli d'Italia, che ha ribadito come “il partito di Giorgia Meloni sta guardando ad un progetto politico nuovo e aggregativo, volto ad allargare la sua base ed a qualificare ancor di più la sua classe dirigente, locale e nazionale”. “Infatti – precisa Liverani – anche a Senigallia abbiamo intrapreso un percorso, con cui vogliamo investire in progetti di rinascita di questo territorio, che per troppo tempo è stato depositato nel dimenticatoio della politica. Risvegliare l'interesse ad occuparsi della 'cosa pubblica': questo è uno dei tanti obiettivi, che ci siamo posti”.

“In questi giorni, proprio in vista delle elezioni europee del 26 maggio, i vertici regionali, provinciali e locali di Fratelli d'Italia – aggiungono Da Ros e Liverani – avevano chiesto a Massimo Bello di accettare la proposta di essere candidato al Parlamento europeo nella circoscrizione dell'Italia centrale e di rappresentare, quindi, le Marche, vista la sua esperienza a Bruxelles nelle istituzioni europee e la sua preparazione nelle politiche dell'Ue, ma Massimo Bello ha scelto di non candidarsi. L'ha detto chiaramente a Torino, volendo invece concentrare il suo impegno nella crescita culturale e politica della Destra locale e regionale e nel supporto di progetti nazionali ed europei”.

Proprio a Torino Bello è stato chiamato dall'On. Carlo Fidanza, Responsabile nazionale del Dipartimento 'Enti Locali e UE', a far parte della Direzione nazionale del Dipartimento per le sue conoscenze ed esperienza nelle politiche e nella programmazione dell'Unione europea e delle Autonomie locali. Bello affiancherà un 'gruppo di lavoro nazionale', che affronterà anche il disegno di legge di modifica del Testo unico degli enti locali e la formazione degli amministratori del partito della Meloni. Insomma, la Destra di Senigallia sta crescendo e si sta allargando. E lo sta facendo, investendo in qualità e nuove risorse.

Il nuovo gruppo dirigente del partito della Meloni nelle Marche e nella provincia di Ancona vede, tra gli altri, lo stesso Massimo Bello, europrogettista ed esperto delle politiche Ue, che è stato anche sindaco e consigliere provinciale, quale Responsabile provinciale e regionale del Dipartimento 'Enti Locali e Politiche UE' di FdI, e dall'altra Claudio Piersimoni, medico con la passione dell'impegno associativo, culturale e sociale, a cui è stato affidato il Dipartimento provinciale e regionale “Cultura e Formazione” di FdI.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-04-2019 alle 18:17 sul giornale del 15 aprile 2019 - 1372 letture

In questo articolo si parla di politica, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6vy