Cosa cambia con la fatturazione elettronica

Senigallia 25/03/2019 - A partire dal 1 gennaio 2019 è in vigore l’obbligo di emissione di una fattura elettronica in seguito alla compravendita di carburante di qualunque tipo esso sia. La fattura elettronica in questione è obbligatoria se si vogliono detrarre i costi IVA sul carburante utilizzato dalle autovetture aziendali ma non solo, la fattura elettronica è obbligatoria anche per i possessori di partita IVA che in quanto professionisti devono certificare le spese del carburante tramite la nuova fattura elettronica.

Ricordiamo che oltre alla fattura elettronica abbiamo un’altra novità ovvero l’abolizione della scheda carburante e l’introduzione della carta carburante.

Fattura elettronica e carta carburante: addio alla scheda carburante

Una carta carburante come la Soldo Drive rappresenta la soluzione ideale per per la gestione dei costi ed il monitoraggio dei consumi, infatti permette non solo di poter acquistare il carburante ma permette anche di raccogliere e contabilizzare in una sola operazione tutte le fatture elettroniche emesse dai benzinai al fine di effettuare poi il rendiconto sui costi del carburante sostenuti da un’azienda o un professionista. Soldo Drive è una carta carburante prepagata universale per gli acquisti di carburante, semplice da utilizzare dove e quando vuoi, gestibile liberamente anche da una app per smartphone.

Soldo Drive e la fatturazione elettronica

Per poter usufruire dei servizi di Soldo Drive come quello di raccolta delle fatture elettroniche al fine di generare automaticamente il rendiconto annuale, bisogna comunicare l’indirizzo PEC di Soldo alla stazione di servizio in modo che possa procedere poi all’invio della fattura elettronica. Se invece le fatture sono in mano propria, possono essere inviate direttamente a Soldo o tramite PEC oppure caricando manualmente i file nel sistema. Dopo aver caricato tutte le fatture è possibile infine generare il documento riepilogativo sul quale sarà applicato automaticamente anche il calcolo della detrazione dei costi IVA sui costi del carburante (vedere qui i per capire meglio la fatturazione elettronica carburante come funziona).

I vantaggi di Soldo Drive

La carta carburante prepagata universale Soldo Drive fa risparmiare non solo denaro ma anche tempo, infatti poter contabilizzare tutte le operazioni in una sola volta si rivela un notevole risparmio di tempo per chi si occupa della gestione della contabilità. Bisogna sapere però che le fatture di acquisto carburante superiori ai 300 euro non possono essere inserite automaticamente nel documento di rendiconto finale ma vanno invece registrate singolarmente, dunque è opportuno che vengano inviate dal benzinaio o dal diretto interessato in maniera differita al sistema con una delle modalità elencate in precedenza. Va ricordato inoltre che sebbene Soldo Drive offra gli stessi servizi anche all’estero sull’acquisto del carburante e sui costi ad esso associati, questi ultimi vanno contabilizzati in modo differente e l’IVA non potrà essere detratta da essi, ma Soldo ti fornirà comunque un prospetto relativo alle spese sostenute all’estero al fine di poter poi essere inserite in un altro rendiconto. Con Soldo Drive i dipendenti possono dunque acquistare carburante come se si stesse semplicemente facendo acquisti al supermercato pagando con la propria carta di debito/credito. In questo caso, l’azienda avrà il grande vantaggio di poter controllare le spese e ricaricare subito in caso di necessità, oltre che semplificare di molto il processo di contabilità e quindi ridurre i costi.






Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2019 alle 10:01 sul giornale del 25 marzo 2019 - 475 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5H2





logoEV