Alessandro Cecilioni verso la Germania, ma non si ferma la raccolta fondi per garantirgli le cure

Senigallia 15/02/2019 - Non si ferma la gara di solidarietà per Alessandro Cecilioni, il 54enne di Senigallia che lotta contro un tumore al cervello.

Alessandro Cecilioni è stato colpito 8 anni fa da un cancro al cervello "glioblastoma multiforme di 4° grado". "In Italia non esistono cure per la situazione di mio padre - spiega la figlia - fortunatamente siamo stati contattati da una clinica in Germania dove sono stati salvati molti pazienti affetti dallo stesso mostruoso cancro e nella stessa identica situazione, assolutamente senza alcun tipo di terapia invadente, ma iniettando dei virus nel corpo in grado di distruggere le cellule malate, ovviamente tutto ha un costo e la cifra necessaria, in previsione della necessita' di un doppio ciclo di trattamento, e' di 150.000 euro. Ci sono testimonianze di pazienti stati in questa clinica che ce l'hanno fatta e sono ritornati a sorridere, riprendendo a camminare, a parlare, a mangiare da sè, ritornando ad essere sufficienti nei bisogni primari".

Cecilioni è ora in viaggio verso la Germania. Per sostenere queste costosissime cure la famiglia, si è affidata alla solidarietà di chi ha la possibilità di dare una mano. La raccolta fondi infatti non si ferma, sia sui social che in alcuni negozi della città, per raggiungere la cifra necessaria a garantire le cure. E' partita anche la sua campagna GoFundMe per agevolare i donatori https://www.gofundme.com/finalmente-una-speranzaaiutatemi-a-vivere.






Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2019 alle 09:50 sul giornale del 16 febbraio 2019 - 3110 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a4jD





logoEV