BCC Ostra Vetere, si unanime a Iccrea

bcc ostra vetere Senigallia 17/12/2018 - Partecipazione record per l’adesione della Banca di Credito Cooperativo di Ostra Vetere al Gruppo Iccrea. All’Assemblea tenutasi domenica pomeriggio si sono presentati oltre 500 Soci per approvare all’unanimità il progetto. “Una presenza straordinaria - ha sottolineato con soddisfazione il Presidente dr. Carbini – per un passaggio epocale per la Bcc di Ostra Vetere.

Sono compiaciuto e soddisfatto per il raggiungimento di questo traguardo storico che ci consente di contribuire alla nascita della prima banca locale del Paese. I nostri Soci, dal canto loro, hanno perfettamente compreso, come questa riforma non solo non cancelli la storia, la natura e la vocazione delle Bcc, ma le associa in un sistema nazionale che garantisce maggiore solidità permettendo di effettuare investimenti e ottenere sinergie fino ad ora impossibili da realizzare. Sono certo che, in continuità con il proprio vissuto storico, anche nel prossimo futuro, in un mutato quadro normativo e in un contesto sempre più esasperato, la Bcc di Ostra Vetere sarà una virtuosa protagonista.

Vorrei ringraziare – conclude il dr. Carbini – tutte le Associazioni, i Commercianti e gli Esercenti che con il loro lavoro hanno contribuito ad allietare, con un momento conviviale molto apprezzato, la giornata di domenica, culminata con il gradito spettacolo del Circo Takimiri.

Un particolare riconoscimento va al lavoro compiuto nella specifica occasione dai Dipendenti che, con dedizione, hanno facilitato il conseguimento di questo traguardo storico. Con l’occasione formulo i più sinceri auguri per le prossime festività a tutti i lettori di Vivere Senigallia e Vivere Jesi.”






Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 17-12-2018 alle 23:50 sul giornale del 19 dicembre 2018 - 919 letture

In questo articolo si parla di ostra vetere, economia, banca, bcc, pubbliredazionale, bcc ostra vetere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2yY

Leggi gli altri articoli della rubrica pubbliredazionale