Ostra Vetere: la minoranza, "La maggioranza non è all'altezza di governare il paese perché non conosce gli affari di un Comune"

17/11/2018 - Abbiamo letto lo stucchevole e ridicolo comunicato della maggioranza consigliare del PD, apparso in queste ore su qualche quotidiano on line, e ci siamo resi conto di come, dal contenuto, come costoro abbiano davvero e duramente accusato il colpo ricevuto nell'ultima seduta del Consiglio. Per fortuna, sono gli atti e i fatti a parlare.

I fatti sono che la maggioranza consigliare del PD, per portare a termine la seduta, ha avuto bisogno della presenza dei Consiglieri di opposizione dei Gruppi 'Lega-Fratelli d'Italia-Autonomia' e 'Agorà', altrimenti non avrebbero potuto mantenere il numero legale della seduta.

I fatti sono che, su sette punti iscritti all'ordine del giorno della seduta, la maggioranza consiliare del PD non ha preso mai la parola nel merito non ha letto, studiato, esaminato alcuna documentazione dei provvedimenti per ammissione delle stesso sindaco e di qualche assessore.

I fatti sono che il Consiglio Comunale è stato convocato addirittura violando la legge, lo Statuto e i Regolamenti perché la maggioranza consiliare non è in grado di leggere e di capire come funzionino le istituzioni, e non è in grado di gestire nemmeno se stessa e di difendersi dai propri errori.

I fatti sono che noi tutti - Lega, Fratelli d'Italia, Autonomia per Ostra Vetere - che sosteniamo i nostri Consiglieri comunali di opposizione, siamo felici di essere 'diversi' da questa maggioranza consiliare del PD, che ha vinto le elezioni, ma non è all'altezza, nemmeno politica ed istituzionale, di governare il paese e le sedute del Consiglio Comunale perché non non conosce affatto gli affari di un Comune.

I fatti sono che la maggioranza consiliare e, in particolare alcuni suoi esponenti, hanno preferito assistere alla seduta consiliare, mettendosi gli auricolari, probabilmente per ascoltare della musica, oppure starsene a braccia conserte, non pronunciando una sillaba e senza entrare nel merito dei provvedimenti.

I fatti sono che i Consiglieri d'opposizione hanno semplicemente e onorevolmente svolto il loro ruolo, che tra l'altro, nell'ultima seduta consiliare, è stato quello di aver presentato 5 proposte di deliberazione, 1 mozione e 1 interpellanza su argomenti e temi, che interessano la comunità: annullamento della delibera di adesione all'Unione della Marca Senone, mensa scolastica, Consulta disabilità psico-fisiche, modifica generale Statuto e Regolamento del Consiglio, istituzione Commissioni consiliari permanenti aperte anche ai cittadini, programmi e linea-guida nei settori cultura e turismo.

I fatti sono che alla maggioranza consiliare del PD non ha impedito nessuno di parlare, bensì sono loro che hanno impedito a loro stessi di farlo.

I fatti sono che la maggioranza consigliare del PD non ha bisogno di recitare una parte in Consiglio o in paese perché è brava anche in silenzio a dimostrare la propria incapacità politica, amministrativa ed istituzionale, e a recitare ruoli comici.

Gli atti e i verbali delle seduta, invece, riportano chiaramente chi sono i comici della politica, da una parte, e i 'garanti della libertà e del benessere dei cittadini'. Atti e verbali, che sono a disposizione sul sito web del Comune (www.comune.ostravetere.an.it).


da Lega - FdI - “Autonomia per Ostra Vetere”




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2018 alle 09:30 sul giornale del 19 novembre 2018 - 556 letture

In questo articolo si parla di ostra vetere, politica, lega nord, fratelli d'italia, Lista “Autonomia per Ostra Vetere”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1uo





logoEV