Macerata: "estorce" denaro agli studenti fuori da scuola, nigeriano bloccato ed espulso

Senigallia 17/11/2018 - Continuano senza soluzione di continuità i servizi di controllo del territorio da parte della Polizia di Stato per assicurare alla città la massima sicurezza e libertà. Tale delicata e complessa opera, voluta dal Questore di Macerata, mira ad assicurare la massima legalità e ad eliminare le criticità che rilevano e segnalano i cittadini alla Polizia.

Ed è proprio in tale delicato e complesso contesto di osmosi fra “Polizia e cittadini” che si innesta una attività di perfetta sinergia in guisa tale da ottenere i massimi risultati conseguibili sottolineando, nella fattispecie in esame, che la sicurezza appartiene a ciascuno di noi, appartiene a tutti in quanto con la collaborazione effettiva, concreta e non dettata da supposizioni o peggio ancora da deduzioni, possiamo combattere ogni forma di illegalità e, per dirla con un concetto più semplice, “lotta contro il male”.

Nell’ambito di questa delicata attività di collaborazione e fiducia, che deve sempre sussistere fra la Polizia e il cittadino, va ricompreso l’intervento operativo ed investigativo che ha permesso nella giornata di venerdì di individuare, bloccare e procedere all’espulsione di un cittadino nigeriano che ormai da giorni fuori e, a volte, all’interno del cortile di alcuni istituti scolastici della città, molestando gli studenti in tenera età con una pressante insistenza quasi tipica di un’estorsione riusciva a farsi consegnare le poche monetine che i ragazzi custodivano gelosamente nelle proprie piccole tasche per la merendina del mattino.

In particolare alcuni genitori avevano segnalato che un giovane di colore si aggirava nelle adiacenze delle scuole dove i propri figli si recavano e all’atto dell’ingresso venivano fortemente molestati dal predetto giovane in maniera tale da estorcere loro le monetine.

Venivano, pertanto, attivati specifici servizi investigativi al fine di accertare il “modus operandi” del soggetto indicato nella segnalazione pervenuta ai poliziotti della Questura.

Dopo alcuni giorni di intensa attività operativa venerdì mattina, intorno alle 7, gli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile hanno individuato un soggetto di colore, alto, ben vestito con abiti sportivi il quale, nelle adiacenze della scuola “Pannaggi” si avvicinava ai ragazzi e poneva in essere questa “condotta insistente” fino a spingersi nell’area interna dell’Istituto scolastico, riuscendo con le sue pressanti richieste e stratagemmi a farsi consegnare le monete.

I poliziotti, appostati nell’area antistante la scuola, dopo aver attentamente monitorato il soggetto e rilevata la condotta del cittadino nigeriano sono intervenuti immediatamente riuscendo, con non poche difficoltà, a bloccarlo. Il soggetto, in Questura, è risultato clandestino.

Evaso l’iter procedurale previsto per il caso di specie il nigeriano è stato trasferito nel centro di accoglienza di Torino al fine di essere rimpatriato nella giornata di sabato con un volo aereo predisposto per il rientro nel suo paese di origine insieme ad altri soggetti clandestini.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2018 alle 14:20 sul giornale del 19 novembre 2018 - 2558 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1uR





logoEV