Macerata: fatture false per un evasione di oltre 3 milioni di euro, sei le denunce

Guardia di Finanza 22/10/2018 - Si è conclusa con un sequestro di beni, un’ articolata indagine di polizia economico - finanziaria e giudiziaria svolta dalla Compagnia di Macerata e coordinata dal la Procura della Repubblica di Macerata, nei confronti di un gruppo di imprese, già operanti nella provincia maceratese nel settore del commercio all’ingrosso di pellami.

Il contesto investigativo, avviato due anni fa, ha comportato l’analisi di tutti i rapporti economici e commerciali posti in essere da lle imprese verificate. Il quadro indiziario ricostruito, hapermesso di accertare l’utilizzo e l’emissione di fatture relative ad operazioni mai avvenute. Nell’ambito dell’inchiesta, il GIP presso il Tribunale di Macerata Domenico Potetti su richiesta del Procuratore della Repubblica, ha disposto il sequestro per equivalente di beni fino a concorrenza delle imposte evase per circa 600.000 euro.

Le Fiamme Gialle maceratesi hanno quindi dato esecuzione al provvedimento del Giudice, procedendo al sequestro di un villino, due appartamenti con relative pertinenze e denaro contante, riconducibili agli indagati, rappresentanti legali delle aziende implicate nella frode fiscale. I responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per vari reati tributari. La lotta all’evasione fiscale e soprattutto alle grandi frodi costituisce un obiettivo prioritario per la Guardia di Finanza, teso a tutelare non solo le entrate per i bilanci dello Stato e degli Enti locali, ma anche imprese e professionisti che operano nella piena e completa osservanza delle leggi.





Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2018 alle 21:36 sul giornale del 23 ottobre 2018 - 1299 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, guardia di finanza, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZE5