“Beat in rosa”: Musica Beat ed emancipazione femminile alla biblioteca Antonelliana

22/10/2018 - Vincenzo Prediletto, critico letterario e performer messinese, appassionato di arte, poesia, teatro e musica Beat, presenterà ed intervisterà - venerdì 26 ottobre alle ore 17.30 nella Sala Conferenze della Biblioteca Comunale Antonelliana di Senigallia - l'avv. Stefano Spazzi - compositore musicista e scrittore anconetano - e l'arch. Gene Guglielmi - famoso cantautore beat - che illustreranno ed esporranno il volume "BEAT IN ROSA -Musica Beat ed emancipazione femminile" e l'album LP "La vita è un sogno".

Evento imperdibile per allargare le proprie conoscenze e riflettere su alcuni aspetti storici e sociali degli anni '60 e sull'attualità della cultura e del movimento Beat a 50 anni di distanza. Amici, curiosi ed appassionati di musica rock e beat, vi aspettiamo numerosi! L’attivissimo Stefano Spazzi, avvocato anconetano, da diversi anni ha affiancato all’attività forense quella musicale ed editoriale. Tra gli anni ’90 ed i primi 2000 ha partecipato a numerose manifestazioni tra cui due edizione dell’Ankon Festival e tre edizioni del Festival internazionale di Digione in Francia. Ha inciso due singoli trasmessi da vari programmi radiofonici, “Stella di strada” (1996) e “Chiara” (2001), canzone contenuta nel CD “Lunatica”. Ha dato vita al progetto in rete “Twisted Noise” per il quale ha composto ed interpretato il brano “I was dreaming” da cui è stato tratto un video girato interamente ad Ancona. Nel 2017 ha inciso il bellissimo e trascinante brano “Ancona Beat” diffuso in rete e trasmesso pure da Radio ICN e Radio Hofstra di New York.

Ha pubblicato nel 2016 il prezioso volume - imperdibile per i senigalliesi -“Quando c’era Villa Sorriso. Locali e musica nella Senigallia degli anni ‘60” (Raffaello Editore), da lui presentato con enorme successo e gradimento del folto pubblico nella splendida cornice del locale “People Beach” a fianco della celebre Rotonda a mare il 26 giugno 2016 e nel 2017 “Ancona Beat. I gruppi, i protagonisti, i locali nel periodo 1964-1969 (Italic Pequod) realizzato con la collaborazione del nostro comune amico ed apprezzato cantautore beat Gene Guglielmi. Con lo stesso Gene Guglielmi ha preso parte al XII Music Day di Roma, alla 27^ edizione del Beatles Day di Brescia, al Festival Beat di Milano, al Summer Festival 2016 presso il Teatro Ariston di Sanremo ed all’Ancona Beat Festival 2017 2 2018, quest’ultimo il 27-28-29 luglio scorso sotto la direzione artistica e supervisione di Gene Gugliemi.

Il poliedrico Gene Guglielmi, architetto, docente universitario, scrittore, poeta (peraltro, per la verità storica, amico e collega affiatato del sottoscritto, moderatore e coordinatore di quest’evento, in virtù di numerose collaborazioni didattiche ed uscite culturali per mostre e musei lombardi con le nostre scolaresche presso l’Istituto comprensivo di Calolziocorte-Vercurago-Somasca, allora ancora in provincia di Bergamo, a cavallo tra la fine degli anni ’70 ed il 1987), nonché figlio – ci preme ricordarlo – del popolare Alighiero marciatore famoso degli anni ’40 e ’50, è balzato alla notorietà proprio in piena epoca beat. Dopo essere stato scoperto all’età di 18 anni da Carlo Alberto Rossi, tramite la partecipazione alla seguitissima trasmissione televisiva “Giochi in Famiglia” condotta da Mike Bongiorno, diventa una icona del beat di protesta con la canzone “I capelli lunghi”, ancora oggi tra le più ascoltate e citate nella storiografia del periodo. Seguono altre incisioni tra le quali vanno evidenziate e ricordate “La luna, le stelle, il mare”, “Preghiera beat”, “E voi, e voi, e voi”, “Mini, mini, mini”, collocandosi stabilmente nel panorama cantautorale dei decenni successivi, quando è stato nel contempo impegnato seriamente nell’attività di docente di storia dell’arte e per alcuni anni in ambito socio-culturale come assessore alla cultura del Comune di Calolziocorte.

E’ stato autore nel 2011, insieme a Umberto Bultrighini e Claudio Scarpa, del prezioso e sostanzioso libro “Al di qua, al di là del Beat” con la significativa prefazione di Dario Salvatori, pubblicazione notevole per l’importante ed autorevole contributo fornito alla dettagliata e precisa ricostruzione storica delle vicende del Beat italiano e delle sue origini. Gene ha concepito con Alvin Alborghetti l’apprezzata trasmissione radiofonica di culto “Lecco Beat” che si può seguire il mercoledì sera a partire dalle 21.00 collegandosi su Lecco Channel, principale emittente italiana di diffusione della musica. Come annunciato in anteprima al numeroso pubblico, agli ospiti, alle band e agli addetti ai lavori durante le tre serate di fine luglio di “Ancona Beat Festival” presso la Mole Vanvitelliana ed il porto antico di Ancona, esattamente nei primi giorni di settembre è avvenuta l’attesa uscita del suo nuovo bellissimo e gradevolissimo vinile “LA VITA E’ UN SOGNO” realizzato col gruppo bolognese “Gli Avvoltoi” che contiene dieci brani e rappresenta la summa del suo indiscutibile talento e della costante energia creativa, fili conduttori del suo percorso artistico-musicale ad oltre 50 anni dal fulminante esordio; lo considereremo, anzi, un omaggio a se stesso, e soprattutto un regalo ai tanti fan sparsi per la penisola ed al pubblico appassionato ed affascinato dalla buona musica. Sarà, ce lo auguriamo davvero, un evento imperdibile per allargare le proprie conoscenze e riflettere su alcuni aspetti storici e sociali degli anni '60 e sull'attualità della cultura e del movimento Beat a 50 anni di distanza. Amici, curiosi ed appassionati di musica rock e beat, vi aspettiamo numerosi – VENERDI 26 pomeriggio alle ore 17.30 – nella Sala Conferenze della Biblioteca Comunale Antonelliana di Senigallia!

A cura di Vincenzo Prediletto







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2018 alle 11:46 sul giornale del 23 ottobre 2018 - 374 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZDM