Una festa per Moreno Cedroni, Ambasciatore dello Stoccafisso norvegese 2018

19/10/2018 - Alla Madonnina del Pescatore, una festa per l'ambasciatore dello stoccafisso, lo chef stellato Moreno Cedroni, che è stato scelto dal Norwegian Seafood Council per l'anno 2018.

Un premio che il Norwegian Seafood Council assegna a chi si è distinto nella promozione dello Stoccafisso di Norvegia in Italia. Il titolo di Ambasciatore viene assegnato a coloro che attraverso la propria cucina hanno saputo esprimere l’essenza di un ingrediente storico che unisce Norvegia e Italia da secoli. Presidente di giuria lo chef Federico Quaranta.

Ad oggi gli Ambasciatori dello Stoccafisso di Norvegia eletti dal Norwegian Seafood Council sono:
Moreno Cedroni - La Madonnina del Pescatore, Marzocca (AN) - 2018
Anthony Genovese – Ristorante Il Pagliaccio, Roma (RM) - 2016
Felice Lo Basso – Felix Lo Basso, Milano (MI) – 2015
Paolo Barrale – Ristorante Marennà, Sorbo Serpico (AV) - 2014
Antonino Rossi – Villa Rossi, Reggio Calabria (RC) - 2013
Franco Favaretto – Ristorante BaccalàDivino, Mestre (VE) - 2012
Giovanni Pozzan - Antica Trattoria Due Spade, Sandrigo (VI) – 2009
Antonio Chemello – Trattoria da Palmerino, Sandrigo (VI) – 2009
Gian Paolo Belloni – Ristorante Zeffirino, Genova (GE) - 2008

A rappresentare la Norvegia in questa serata, il direttore Italia del Norwegian Seafood Council Trim Eidem Gundersen che, con la tipica simpatia e genuinità di quei luoghi, ha raccontato il felice rapporto commerciale e culturale che lega i due paesi da centinaia di anni.

Menù d'eccezione per la cena, a partire da Ricordo di un viaggio in Vietnam: ostrica mangia e bevi, a seguire Stoccafisso alla mugnaia, salsa di friggitelli quinoa e spinaci, uno dei piatti che gli sono valsi il prestigioso riconoscimento, poi Testa di black cod, verze e topinambur, King crab, pastinaca fermentata e pesto di alghe, Risotto di ostrica, alghe e panna acida, poi un altro dei piatti forti dello chef, lo Stoccafisso all'anconetana. Una ricetta quella dello Stoccafisso di Norvegia, patate, olive nere con salsa di cocco-lime e polvere di lampone, con cui Moreno Cedroni reinventa la tradizione anconetana. Per concludere pre-dessert con Idromele e gelato al miele e Porridge di tapioca, gelato allo skyr, olivello spinoso.

Una festa che all'ottimo cibo ha visto abbinare anche pregiati vini e che non poteva che concludersi con il Cedronic, il gin tonic con fiori di sambuco, ideato dallo chef senigalliese.

Lo Stoccafisso di Norvegia, di cui l'Italia importa il 70% della produzione, è presente sulle nostre tavole ormai da più di 500 anni, è un ottimo ingrediente per preparare piatti moderni e innovativi, l’ideale non solo per gli intenditori, ma anche per chi desidera rivisitare le classiche ricette della tradizione.

E quest'anno si è svolta la prima e avvincente competizione tra giovani chef emergenti provenienti da tutta Italia, in collaborazione con CHIC (Charming Italian Chef), un’associazione che riunisce grandi professionisti (oltre cinquanta stelle Michelin) che propongono una cucina creativa, nel rispetto delle materie prime fra le quali lo stoccafisso. I quattro chef, ognuno dei quali accompagnati da un prezioso aiutante, hanno cucinato in tempo reale – davanti a una platea di spettatori e a una giuria – un prodotto appartenente alla tradizione culinaria italiana, come lo stoccafisso, reinterpretandolo in chiave moderna e secondo le più recenti tendenze del mondo food. Ha trionfato lo chef veneto John Mark Nanit, eletto Giovane Ambasciatore dello Stoccafisso, anche lui presente alla serata di festa alla Madonnina del Pescatore.


da Sara Santini e Maurizio Lodico 
redazione@viveresenigallia.it






Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2018 alle 11:32 sul giornale del 20 ottobre 2018 - 3021 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sara Santini, articolo, Maurizio Lodico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZyo