Un lettore: "Mia madre salvata dal Pronto Soccorso, grazie a tutti gli operatori"

15/10/2018 - Cari lettori, conosco il diffuso malcontento sulla sanità italiana… sulle lunghe file, sui costi delle prestazioni, sulle lamentele per l’attesa dell’esecuzione degli esami e su tante altre cose. Purtroppo la sanità sta cambiando e, in un epoca di risorse finite, il numero degli operatori sanitari è diminuito drasticamente.

Tali operatori, però, pur con carichi di lavoro decisamente aumentati, rimangono dediti alle loro attività e si prodigano per riuscire ad aiutare le persone. La faccio breve… Circa due settimane fa mia madre ha avuto un accesso al Pronto soccorso di Senigallia per uno shock settico! La situazione è risultata da subito molto grave! Purtroppo, visto che conosco qualche dato su questo tipo di patologia, so che spesso l’esito è infausto.

La situazione era veramente critica… Nonostante ciò, grazie alla dedizione, alla preparazione e al pronto intervento del personale medico e infermieristico in servizio, fra gli altri Simona e Lara, e agli specialisti anestesista a cardiologo (Mauro e Aldo), mia madre è ancora viva! Secondo qualcuno è stata fortunata, ma io, in queste situazioni, credo ben poco alla fortuna. Le hanno salvato la vita! Queste righe non hanno lo scopo di rivoluzionare il pensiero della gente; non ho intenzione di far cambiare idea alle persone, ma ho solo voluto riportare un caso reale in cui è stato fatto un grande lavoro dalla equipe dell’Ospedale di Senigallia!

Penso sia giusto, ogni tanto, segnalare anche quando le cose vanno bene... Concludo ringraziando infinitamente tutti coloro che lavorano al Pronto Soccorso di Senigallia, diretto in modo egregio dal Dott. Maracchini.

Simone





Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2018 alle 17:10 sul giornale del 16 ottobre 2018 - 4254 letture

In questo articolo si parla di attualità, un lettore di Vs, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZpQ