Maxi blitz al campus di via D'Aquino: "Anita" e "Yago" fiutano al droga nascosta nei bagni della scuola

09/10/2018 - Martedì mattina, una task force dei Carabinieri di Senigallia, coordinata dal maggiore Cleto Bucci, è tornata al campus scolastico di Via d’Aquino per nuovi controlli antidroga. Tre pattuglie e due unità cinofile di Pesaro con i carabinieri a quattro zampe “Anita” e “Yago” hanno controllato l’ingresso dei ragazzi a scuola, allo scopo di prevenire l’uso di sostanze stupefacenti.

I controlli, meticolosi, sono stati estesi anche all’interno di alcune aule didattiche scelte a campione, all’intervallo tra il primo ed il secondo periodo di lezione, nei corridoi, nei bagni, nelle palestre, nei laboratori. Molte le aule passate al setaccio. Sono stati ispezionati anche i viali di accesso ai vari edifici scolastici. L’ispezione ha avuto inizio in via Giordano Bruno alla fermata degli autobus all’arrivo dei ragazzi. L’operazione è proseguita poi all’ingresso dei vari istituti.

Due studenti, appena maggiorenni, sono stati trovati in possesso rispettivamente di circa 1 grammo di marijuana, che nascondevano negli zaini. La droga è stata sottoposta a sequestro e i due giovani saranno segnalati alla Prefettura. Ulteriori controlli sono stati eseguiti nelle aule al termine della prima ora di lezione, al cambio dei professori. In un istituto superiore, la droga è stata rinvenuta nei bagni al terzo e al quarto piano. Anche nei bagni riservati alle ragazze. La droga era nascosta sopra i tramezzi divisori dei servizi igienici. In tutto sono stati trovati 6 piccoli cofanetti di plastica con all’interno marijuana o hashish.

In un bagno, il cane antidroga ha fiutato la presenza di un borsello appeso al tubo dello sciacquone, nascosto tra il water ed il muro. All’interno altri piccoli quantitativi di droga. In tutto oltre 10 grammi tra marijuana e hashish. Nelle aule invece non è stato trovato nulla di vietato. Le sostanze stupefacenti rinvenute sono state sottoposte a sequestro e saranno avviate alla distruzione.

"Questi controlli spesso ci vengono richiesti oltre che dalle direzioni degli istituti con i quali abbiamo da anni una stretta collaborazione anche direttamente dai genitori di alcuni studenti preoccupati dai racconti dei figli quando tornano a casa -spiega il maggiore Bucci- Effettivamente ci permettono di fare una mirata azione di controllo sull’uso delle droghe da parte dei giovani. L’utilizzo di stupefacenti è sempre più diffuso, anche purtroppo all’interno degli istituti scolastici, dove alcuni ragazzi consumano droghe o addirittura spacciano. Grazie al programma “Scuole Sicure” e alla sinergia col Nucleo Cinofili di Pesaro, questi controlli saranno sempre più frequenti, sia negli istituti, che nei luoghi di aggregazione giovanile".







Questo è un articolo pubblicato il 09-10-2018 alle 14:48 sul giornale del 10 ottobre 2018 - 4538 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZc4





logoEV
logoEV