Scatta l'allarme pidocchi a scuola: l'Asur, "Controllare bene le teste dei bambini"

scuola Senigallia 20/09/2018 - L'anno scolastico è iniziato solo da pochi giorni, ma già in alcune scuole è scattato l'allarme per la presenza di pidocchi.

In alcuni istituti cittadini è arrivata una circolare che avverte i genitori della presenza della “pediculosi”. Un problema che si ripresenta ciclicamente durante tutto l'anno scolastico, senza distinzione tra mesi caldi e mesi freddi, per la disperazione delle famiglie. I dirigenti hanno chiesto infatti ai genitori la massima collaborazione, controllando bene le teste dei propri figli, anche in mancanza del classico sintomo del prurito, per scongiurare la presenza degli sgradevolissimi parassiti.

Come in questo caso quando viene segnalato anche solo un caso di pediculosi, scatta il protocollo predisposto dal Dipartimento Prevenzione dell'Asur che consiste in una comunicazione a tutti i genitori degli alunni a rischio di contagio.

L'Asur precisa che la presenza di pidocchi nelle teste dei bambini “non è sinonimo di scarsa igiene perchè anche una testa ben pulita può ospitare i pidocchi”. Non esistono trattamenti realmente efficaci per la prevenzione, ma potrebbe essere utile è insegnare ai bambini a non scambiarsi gli indumenti e tutto ciò che viene a contatto con la testa (sciarpe, cappelli ecc.), l'unica arma di difesa resta il controllo costante delle teste dei bambini e, in caso di riscontro della pediculosi, il ricorso ai trattamenti specifici e alla disinfestazione di cappelli, divani, cuscini e altri tessuti con cui il bambino è stato a contatto.

L'appello dei dirigenti scolastici è rivolto a tutti i genitori ad assumere un comportamento responsabile, ossia “informando la scuola in caso di pediculosi e ad eseguire gli adeguati trattamenti sui propri figli”.

Sul fronte dell'igiene all'Istituto Comprensivo Mario Giacomelli è stato confermato il protocollo, introdotto lo scorso anno in via sperimentale, che ha cambiato le regole per asciugamani, bavaglini e bicchieri. Gli asciugamani sono stati sostituiti con rotoli di carta assorbenti e i bavaglini sono stati sostituiti con tovaglioli di carta monouso mentre i bicchieri vengono igienizzati ogni giorno nella lavastoviglie di cui è dotata la scuola. Ogni anno diversi i casi di malattie infettive che si registrano come la scabbia, registratasi due anni fa alla materna Collodi, o i casi di Eschirichia coli e batteri Coliformi verificatesi lo scorso anno a Scapezzano e Marzocca.





Questo è un articolo pubblicato il 20-09-2018 alle 15:00 sul giornale del 21 settembre 2018 - 2796 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYyD





logoEV