Niger: rapito da presunti jihadisti un sacerdote italiano

Nigeria 18/09/2018 - Padre Pierluigi Maccalli, della Società delle Missioni Africane (Sma) è stato rapito in Niger nella notte tra lunedì e martedì.

Padre Maccalli, originario della diocesi di Crema, era stato a lungo missionario in Costa d'Avorio, ma da qualche tempo si trovava nella parrocchia di Bomoanga, diocesi di Niamey. Da qualche mese la zona si trova in stato di urgenza a causa della presenza di terroristi provenienti dal Mali e il Burkina Faso.

L'agenzia vaticana Fides ricorda che padre Maccalli da tempo mette insieme evangelizzazione e promozione umana: scuole, dispensari e formazioni per i giovani contadini. Attento all'inculturazione ha organizzato momenti di iniziazione in relazione con le mutilazioni genitali delle ragazze. Può essere uno dei moventi per il rapimento, giunto una settimana dopo il suo rientro da un tempo di riposo in Italia.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2018 alle 12:13 sul giornale del 19 settembre 2018 - 404 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, nigeria, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYtQ





logoEV