Macerata: accusato di tentato omicidio, obbligo di dimora per un 29enne albanese

21/07/2018 - I carabinieri del nucleo operativo hanno notificato ad un soggetto albanese, 29enne, conosciuto alle cronache, un’ ordinanza coercitiva dell’obbligo di domora.

Era la notte dell’8 dicembre 2017 quando nei pressi dello Sferisterio di Macerata, un litigio tra due ragazzi finisce male. Uno dei due viene colpito con un oggetto acuminato al fianco. La vittima viene subito ricoverata in ospedale per una profonda ferita che per poco non ha causato più gravi conseguenze. I carabinieri intervenuti, oltre ai rilievi – l’arma non è stata trovata – ascoltano le persone che erano presenti ai fatti.

Dell’aggressore non si conosce il nome. Serrate indagini nel corso della giornata con alcune perquisizioni, permettono l’identificazone di colui che viene indicato come l’autore. Solo in tarda serata l’uomo, braccato, si presenta dai carabinieri. Scatta la denuncia e l’inoltro dell’esito delle indagini all’autorità giudiziaria. Il g.i.p. del tribunale, dietro richieste della procura, valutati gli esiti investigativi, emette l’ordinanza coercitiva dell’obbligo di domora. L’uomo, che deve rispondere di tentato omicio e porto di arma dovrà restare nel comune prescelto e sarà limitato nei suoi spostamenti e nelle uscite.





Questo è un articolo pubblicato il 21-07-2018 alle 17:00 sul giornale del 23 luglio 2018 - 463 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, carabinieri, posto di blocco, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWQE





logoEV