UrUrbinati sull'Hotel House: "La minoranza non garantisce tranquillità ai cittadini, vuole solo i consensi"

hotel house 17/07/2018 - Un presidio permanente delle forze dell’ordine all’Hotel House finanziato in parte dalla Regione Marche e la richiesta alla presidenza del Consiglio dei ministri e del ministero dell’Interno di farsi carico della gestione operativa del presidio, destinando personale al servizio.

È il contenuto di una risoluzione, votata a maggioranza, proposta a seguito delle comunicazioni della Giunta regionale sulla proposta di un protocollo d’intesa sulla questione sicurezza del maxi grattacielo di Porto Recanati dove vivono circa 1.700 residenti e 32 etnie, distribuiti su 480 mini appartamenti.

La presentazione ed approvazione del documento in concomitanza con la visita del ministro dell’Interno Matteo Salvini, nelle Marche, a Fermo per l’inaugurazione della nuova Questura. «Sappiamo che il ministro è molto sensibile a questi temi, per questo la sua presenza in regione in queste ore ci dà un input ulteriore a discutere della questione»,

ha affermato il capogruppo Fabio Urbinati, firmatario della risoluzione insieme ai consiglieri Micucci (Pd), Rapa (Uniti per le Marche), Marconi (Udc), Bisonni (Gruppo Misto), Busilacchi (Mdp-Misto), Minardi (Pd), l’assessore Pieroni e la vice presidente della Giunta Casini. «Il Consiglio regionale – ha ripreso Urbinati – già lo scorso maggio ha approvato una risoluzione che impegnava la Giunta ad intervenire presso la presidenza del Consiglio dei ministri ed il ministero dell’Interno al fine di richiedere un presidio permanente delle forze dell’ordine all’Hotel House, così da poter avere un controllo continuo delle persone residenti e degli accessi per garantire in questo modo sicurezza e legalità. Sappiamo, infatti – ha continuato Urbinati –, da quanto emerge dalla cronaca che nella struttura sono presenti non solo immigrati irregolari, ma anche veri e propri delinquenti. La Regione dimostra disponibilità ad intervenire con risorse proprie per la costituzione del presidio, facciamo appello al ministro dell’Interno affinché doti di personale il servizio».

Contraria alla discussione l’opposizione, che non ha votato il documento. «Stupisce che l’opposizione che ha fatto della sicurezza all’Hotel House un suo cavallo di battaglia, oggi si esprima in modo contrario su un provvedimento che può aiutare concretamente a risolvere la questione», le parole del vice capogruppo, Francesco Micucci.

«L’opposizione di fronte a questa vicenda ha deciso di scappare – ha ripreso Urbinati –. Questo forse perché preferisce alimentare le paure delle persone, assicurandosi così il consenso, invece che garantire tranquillità e sicurezza ai cittadini perbene che vivono a Porto Recanati, anche all’interno dell’Hotel House. Il presidio non è volto a perseguire i delinquenti, questo va fatto nella normale attività di repressione del crimine, ma per rassicurare le persone».





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-07-2018 alle 15:06 sul giornale del 18 luglio 2018 - 500 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto recanati, marche, Assemblea legislativa delle Marche, hotel house

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWGO