Irrompe nella sala slot con un coltello: "Datemi i soldi". Paura al GPlanet

2' di lettura Senigallia 27/06/2018 - Ha minacciato con un coltello il cliente e la commessa di sala ed è scappato con l'incasso. Rapina shock martedì sera nella sala slot Gplanet, in via Raffaello Sanzio.

Poco prima della chiusura, intorno alle 23, un uomo è entrato all'interno della sala giochi. Inizialmente sembrava un avventore come tanti poi però si è subito capito che qualcosa non andava. L'uomo aveva il volto travisato ( i testimoni hanno riferito che poteva essere una sciarpa o un passamontagna) e subito ha estratto dalla tasca un coltello che ha rivolto verso l'unico cliente che in quel momento si trovava in sala. Momenti di grande paura ma sia il cliente che la commessa di sala sono rimasti immobili. Il rapinatore a quel punto ha pronunciato poche parole. “Datemi i soldi”.

La commessa, senza esitare e per non mettere a rischio l'incolumità sua e del cliente, ha obbedito consegnando i contanti della cassa. Circa 520 euro. Il rapinatore allora ha subito indietreggiato verso l'uscita dove, per tutto il tempo della rapina, a fare da palo c'era un complice che però non è mai entrato nel locale. Poi i due sono scappati. Rimasti da soli e ripresisi dallo shock cliente e commessa di sala hanno chiamato i Carabinieri. I militari sono arrivati in pochi minuti sul posto e hanno raccolto le prime testimonianze dei due per avviare immediatamente le ricerche dei rapinatori. Nel frattempo la commessa è riuscita a raccontare l'accaduto fornendo alcuni dettagli.

In particolare sembrerebbe che i due rapinatori fossero di colore. Sebbene i due testimoni non concordano sul fatto che il rapinatore con il coltello indossasse i guanti, entrambi si dicono certi di aver visto parti del corpo di colore scuro. I carabinieri hanno acquisito i filmati delle telecamere interne della sala slot che potrebbero fornire elementi utili alle indagini. Per la commessa di sala soprattutto, una signora di circa sessant'anni, lo shock è stato grande. Proprio per questo è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari che le hanno prescritto alcuni giorni di riposo a casa.






Questo è un articolo pubblicato il 27-06-2018 alle 18:41 sul giornale del 28 giugno 2018 - 3581 letture

In questo articolo si parla di vivere senigallia, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aV4x





logoEV
logoEV