Germania: caso dieselgate, arrestato l'ad di Audi

Senigallia 18/06/2018 - L'amministratore delegato dell'azienda automobilistica tedesca Audi, Rupert Stadler, è stato arrestato lunedì mattina nell'ambito delle indagini sul cosidetto dieselgate, lo scandalo delle emissioni truccate dei motori diesel.

Stadler, assime ad altri membri del consiglio di amministrazione della società, è accusato di frode dalla procura di Monaco. Il fermo è stato disposto per evitare che l'uomo potesse occultare o inquinare le prove.

Audi, che fa parte del gruppo Volkswagen, è accusata di avere venduto a partire dal 2009 in Europa e Stati Uniti almeno 200mila automobili diesel con un software che falsifica i dati sulle emissioni. Lo scorso mese la società ha ordinato il richiamo di 60mila modelli di A6 e A7 in cui sono stati riscontrati problemi di emissioni.

Volkswagen, al centro dello scandalo scoppiato nel 2015, ha ammesso di aver venduto negli Stati Uniti 600mila vetture con motori diesel dotate di sistemi per aggirare i test sulle emissioni.





Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2018 alle 16:39 sul giornale del 19 giugno 2018 - 738 letture

In questo articolo si parla di cronaca, volkswagen, germania, frode, audi, marco vitaloni, articolo, dieselgate

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVI8