Cingoli: furto di mobili antichi, due arresti

25/05/2018 - I carabinieri della stazione di Cingoli nel pomeriggio di giovedì hanno arrestato due uomini napoletani, un 52enne ed un 59enne, entrambi con alle spalle un curriculum giudiziario, per furto aggravato di oggetti d’antiquariato.

La compagnia di Macerata ha intensificato i servizi finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio e nel pomeriggio i carabinieri di Cingoli, nell’ambito delle attività di prevenzione e repressione contro i furti, hanno notato in zona periferica un furgone fermo vicino ad una casa nobiliare, peraltro disabitata.

Insospettiti hanno approfondito e la scelta si è dimostrata vincente. Infatti, dopo aver notato effrazione alla porta, i militari hanno sorpreso all’interno dell’immobile i due soggetti napoletani.

Nel furgone risultato appartenere ad uno dei due, sono stati rinvenuti due candelabri del 1800 che avevano già asportato dall’abitazione nonchè una plafoniera da giardino, pure questa già smontata.

Ma l’intervento dei carabinieri è risultato provvidenziale perché ha evitato che i malfattori asportassero ciò che avevano abilmente accatastato nell’atrio dell’abitazione, ovvero molti mobili e suppellettili antiche, risalenti al 1800, che arredano ed adornano preziosamente le stanze della casa. Si tratta di consolle, tavoli, anfore, un dipinto ed acquasantiere. La tempestiva operazione dei militari ha di certo scongiurato un furto di oggetti antichi di ingente valore storico e culturale.

Gli arrestati saranno condotti davanti alla magistratura maceratese per il rito direttissimo.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it






Questo è un articolo pubblicato il 25-05-2018 alle 11:08 sul giornale del 26 maggio 2018 - 666 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, cingoli, Sara Santini, articolo