La Legge 194 compie 40 anni, iniziative del Coordinamento Regionale Marche '194 senza obiezione'

Senigallia 21/05/2018 - La Legge 194/78 che legalizza l’interruzione di gravidanza (I.V.G) compie 40 anni. Una Legge voluta fortemente dalla società civile e sostenuta dalla donne e dai loro movimenti.

A quaranta anni l’applicazione della Legge non è garantita nella maggior parte delle strutture sanitarie del Paese, compresa la Regione Marche dove l’obiezione di coscienza tocca il 70,1% delle strutture. In occasione di questo anniversario il Coordinamento Regionale “194 senza obiezione “, costituitosi recentemente , si fa promotore di una serie di iniziative territoriali per far conoscere le criticità di applicazione della Legge e per sensibilizzare l’opinione pubblica su alcuni temi quali , la contraccezione gratuita e l’aborto farmacologico. Rispetto a questi temi , il Coordinamento assume come propria la Petizione lanciata a livello nazionale dalla rete # molto più di 194 e sottoscrivibile nei vari banchetti organizzati nelle città e on-line sulla nostra pagina face book “ 194 senza obiezione”.
Tra le iniziative in calendario a partire dal 22 maggio, riveste particolare rilievo lo spettacolo teatrale “Io obietto” che narra la tragica storia di Valentina Miluzzo morta a Catania nel 2016 per la non volontà di intervento dei medici . La rappresentazione verrà data giovedì 21 giugno a Jesi e venerdì 22 giugno a Senigallia. Il Coordinamento denuncia, inoltre gli attacchi che da più parti stanno avvenendo contro la Legge , proprio in occasione del quarantesimo. Sui muri di Roma e di altre città sono comparsi manifesti che collegano il femminicidio , all’interruzione di gravidanza e alla Legge 194 che la regola. Una operazione mistificatrice che strumentalizza ai propri fini questa crescente violenza , ignorando volutamente le vere cause dei femminicidi , che risiedono in una cultura di possesso e di non determinazione della donna. Come Coordinamento regionale contrasteremo con ogni azione campagne
discrminatorie e lesive dell’immagine della donna e dei suoi diritti, tra cui quello di scegliere liberamente sul proprio corpo.

Martedì 22 maggio ore 17-20 – Piazza della Reppubblica-banchetto informativo e raccolta firme petizione

Giovedì 21 giugno a Jesi e venerdì 22 giugno a Senigallia “Io obietto” spettacolo teatrale ispirato a Valentina Miluzzo, morta a Catania nel 2016 dopo 15 giorni di agonia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2018 alle 09:36 sul giornale del 22 maggio 2018 - 196 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aULz





logoEV