Serra de' Conti: minoranze aggressive e irresponsabili

arduino tassi 20/04/2018 - L'attività di comunicazione delle minoranze di Serra de' Conti diventa, sempre più spesso, particolarmente aggressiva, stravolgendo completamente la realtà e trascurando largamente il merito delle questioni.

Su temi di particolare attualità come l'istituzione dell'Unione tra i Comuni della valle e l'accoglienza dei migranti, sono recentemente comparsi due scritti che si prestano a doverose riflessioni. L'Unione avvia un processo di riforma innovativo e democratico, cui partecipano Consiglieri di tutti i Comuni, di maggioranza e di minoranza, i cui nominativi sono già noti. Completa e rende stabile l'esperienza del settore sociale che ha già dimostrato risultati positivi e inequivocabili (es.: + 5,6 mln di euro in tre anni per le famiglie e minori costi amministrativi pari al 44%, come dimostrato nei documenti consiliari).

Concepita con circa due anni di approfondimento tecnico, giuridico e organizzativo, compreso un convegno svoltosi proprio a Serra de' Conti, tale prospettiva è stata oggetto di un documento di indirizzi, deliberato in Consiglio il 28.12.2016 con una sola astensione. Ecco quindi una prima riflessione: tutto è migliorabile, si può essere legittimamente favorevoli, perplessi o contrari, tuttavia stravolgere la realtà per ragioni puramente polemiche, come nell'articolo datato 8 aprile a firma delle minoranze, e abbandonare l'aula prima del dibattito sull'argomento, costituiscono gravi errori che riducono il dialogo politico e allontanano ancora di più i cittadini dalle istituzioni.

Che abbiano cambiato idea rispetto alla delibera citata è palese, basta spiegarlo correttamente ai cittadini. Quanto ai migranti, per l'apertura dei centri di accoglienza straordinaria (CAS), i Comuni non hanno alcuna competenza e, quanto a Serra de' Conti, l'Amministrazione comunale e la Prefettura titolare dell'attivazione del centro hanno espresso, in quella circostanza, opinioni discordanti, come accaduto anche in altre parti d'Italia. Gli Amministratori, con specifico riferimento alle modalità seguite, hanno percepito le reazioni fortemente negative di una parte della popolazione (emerse chiaramente nell'assemblea del 12 dicembre u.s.) e le possibili conseguenze sul piano dell'ordine pubblico e della sicurezza.

Quindi non ci sono da fare particolari dietrologie, è tutto molto chiaro, si tratta semplicemente di valutazioni diverse, espresse in un momento contingente. In questo caso, gli atteggiamenti strumentali di una parte dei consiglieri di minoranza, portano a cadute di stile e polemiche inutili e tardive (infatti lo scritto dell'8 aprile si riferisce a quanto accaduto ben 5 mesi prima). Si possono comprendere errori o esagerazioni da parte di tutti, specialmente in momenti di grande tensione, come quello cui si fà riferimento, ma su temi delicati come l'immigrazione occorrono equilibrio e ponderazione poiché alimentare la polemica e dividere la comunità è da irresponsabili.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2018 alle 17:58 sul giornale del 21 aprile 2018 - 952 letture

In questo articolo si parla di politica, serra de' conti, Comune di Serra de' Conti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTOh





logoEV